venerdì , 22 Ottobre 2021
Vincenzo Torrente
Vincenzo Torrente

Verona-Vicenza, è il giorno del grande derby

Vicenza – Primo maggio, sul fronte calcistico nostrano, dominato dal derby veneto per antonomasia, quello cioè tra Vicenza e Verona, che domani si troveranno di fronte allo stadio Bentegodi per la trentanovesima giornata del campionato di Serie B. Impegno difficile dunque per i biancorossi, che hanno un gran bisogno di far punti per allontanarsi dalla zona retrocessione e che compirebbero davvero un’impresa se espugnassero il fortino della seconda in classifica, per altro bissando una vittoria che ottennero già nella partita di andata, al Menti. Anche un pareggio costituirebbe comunque sarebbe un esito, tutto sommato, positivo…

“Dobbiamo cercare di fare risultato, come nelle ultime due partite – ha sottolineato oggi, nel consueto prepartita con la stampa, il tecnico del Vicenza, Vincenzo Torrente -. Ci proveremo anche con il Verona, cercando di regalare una gioia ai nostri tifosi. E’ una partita stimolante, chiunque la vorrebbe giocare, e sappiamo di incontrare una grandissima squadra. Proveremo ad affrontarla con coraggio e personalità. L’obiettivo è quello di vincere, ma sappiamo del valore assoluto dei nostri avversari”.

Sul fronte dei giocatori disponibili, in questa sfortunata annata nella quale l’infermeria biancorossa è stata purtroppo sempre molto affollata, Torrente ha precisato che Orlando sta meglio ed ha ripreso a lavorare con il gruppo. Resta da decidere se domani partirà titolare o entrerà a gara in corso. Quanto a De Luca, il tecnico lo ha definito “un valore aggiunto. Ed è un giocatore importante per noi – ha ricordato Torrente -, ci da più soluzioni nel variare il sistema di gioco. Sappiamo che Ebagua non è al meglio, quindi decideremo chi tra i due scenderà in campo. Devo tenere conto delle condizioni fisiche, non posso far giocare che non è al meglio perché sarà una partita intensa e aggressiva”.

Bellomo invece potrebbe giocare nel ruolo di trequartista. “E’ una soluzione possibile, come contro il Novara – ha detto Torrente -. Ci permette di giocare in modo diverso, alzandolo come vertice alto. Mi è piaciuto molto nell’ultima gara. Dovremo fare una partita perfetta, sotto l’aspetto tattico, fisico e soprattutto nervoso. I duelli diventeranno decisivi, trattandosi di un derby non bisognerà cadere nelle provocazioni. Noi dobbiamo concentrarci su ciò che sappiamo fare, proporre gioco e non disperdere le energie.

Il tecnico, in conclusione, ha parlato anche di Pazzini, punta di diamante del Verona. “Con la serie B non c’entra nulla – ha detto -, bisognerà stare attenti in area perché è un calciatore fortissimo. Ma dovremo stare attenti a tutto il Verona, fraseggiano molto bene, hanno qualità in tutti i reparti. Grandissimo rispetto, ma senza paura”. Per quanto riguarda infine i portieri, Amelia è indisponibile ed è in permesso concordato con la società.

Quanto ai tifosi, saranno molti i vicentini domani al Bentegodi, probabilmente circa duemila persone, anche se da Verona è arrivato un via libero limitato alla vendita dei biglietti (1800), e questo ha provocato anche alcune polemiche e la richiesta da Vicenza di un maggior numero di tagliandi. Da segnalare anche che per motivi di sicurezza la Questura di Vicenza ha consigliato, ai tifosi biancorossi che raggiungono lo stadio veronese in auto, di uscire al casello di Verona Nord.

La nostra diretta web

Questi i convocati del Vicenza per la sfida con il Verona al Bentegodi:

  • Portieri: Costa, Dani, Vigorito
  • Difensori: Adejo, Barbosa, Bianchi, Bogdan, D’elia, Esposito, Pucino
  • Centrocampisti: Bellomo, Gucher, Rizzo, Signori
  • Attaccanti: Cernigoi, De Luca, Ebagua, Giacomelli, Orlando, Siega, Vita, Zivkov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità