Una auto in gara nella edizione 2016 della Salita del Costo - Foto Videofotomax
Una auto in gara nella edizione 2016 della Salita del Costo - Foto Videofotomax

Torna la Salita del Costo con 151 auto iscritte

Cogollo del Cengio – Torna, domenica 11 aprile, una delle corse automobilistiche più amate ed attese nella nostra provincia, la Salita del Costo. Tra gli organizzatori c’è, tra l’altro soddisfazione, quest’anno, per la quantità e soprattutto per la qualità degli iscritti: quaranta con le auto storiche e centoundici con le auto moderne. Renzo De Tomasi, presidente del Rally Club Team che organizza, dopo averne preso le redini lo scorso anno, presidente di Aci Vicenza ,Valter Bizzottola, per questa ventiseiesima Salita del Costo, parlano dunque di numeri importanti “che confermano la crescita della manifestazione con ben trentatré vetture in più rispetto al 2016″.

“Se per le storiche – aggiungono – si registra una leggera flessione, di due unità, dovuta alla concomitanza con la prima gara del Campionato Italiano in programma a Montefiascone, il boom si è avuto con le moderne che sono aumentate quasi del cinquanta per cento, e quel che è ancor più soddisfacente è la provenienza dei piloti che arriveranno da molte regioni italiane comprese quelle più lontane del sud, ed uno anche dalla Svizzera”.

Come sempre saranno le vetture del passato ad aprire le danze e si preannuncia una sfida targata Porsche che vedrà la 911 Rsr di Giampaolo Basso, secondo lo scorso anno, puntare alla vittoria. Dovrà fare i conti con la Sc di Giuseppe Gallusi e la 906 di Mario Sala, terzo la scorsa domenica alla Bologna-San Luca. Un occhio di riguardo lo merita anche la Fiat Dallara X1/9 di Remo De Carli. Interessante anche il duello ad alti livelli che propone la gara delle auto moderne tra il vicecampione europeo Cristian Merli, con la nuova Osella Fa 30, e il pluricampione continentale e nazionale Simone Faggioli, con la Norma M20FC.

Solo questi due valgono il prezzo del biglietto, come ha ricordato qualche appassionato, ma sono sicuramente tanti altri i piloti che sui dieci tornanti del Costo cercheranno di dire la loro. Tra i piloti locali spicca la presenza di Lino Vardanega, con una Mitsubishi Lancer, per il quale gli anni sembrano non passare. Ci sono poi le Bmw M3 di Giuseppe Zarpellon e Michele Massaro e propone un’interessante rassegna anche la categoria Gt con Ferrari F430 e 458, Lamborghini Huracan, Porsche Gt3 e l’attesa Maserati Mc di Michele Ceccato.

Il programma della manifestazione prevede le operazioni di verifica venerdi 7 aprile, nella zona industriale di Caltrano, con inizio alle 13 e fino alle 19. La giornata di sabato 8 sarà dedicata alle due manches di prova con partenza alle 10, la prima, e di seguito la seconda. Domenica alle 11 lo start della prima vettura per la manche di gara, lunga 9.910 metri. Premiazioni e chiusura manifestazione presso il municipio di Cogollo del Cengio a partire dalle 17.30.

Un commento

  1. Il mio pensiero? Chiudere una strada così importante per delle gare lo trovo molto scorretto, ci sono strade meno importanti da poter usare per questo tipo di sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *