Si ferma all’alt, poi fugge e trascina l’agente sull’asfalto

Vicenza – Fermato dalla polizia locale, prima accosta e poi, quando il vigile è vicino all’auto e chiede i documenti al conducente, questi riparte sgommando in modo inaspettato. Fatalità vuole che il viceispettore della polizia locale rimanga impigliato in qualche punto della carrozzeria della vettura e venga così trascinato per varie decine di metri sull’asfalto. Il brutto episodio è successo mercoledì sera, a Motta di Costabissara, sulla provinciale 349, ad un funzionario della polizia locale dell’Unione del Comuni di Caldogno, Isola Vicentina e Costabissara.

L’agente è ora ricoverato in ospedale, al San Bortolo di Vicenza, con parecchie costole rotte ed altre fratture, per una prognosi di 40 giorni. Il pirata della strada invece, che veniva da Thiene procedendo verso Vicenza, mercoledì sera era riuscito a dileguarsi, ma aveva preso subito il via una caccia all’uomo da parte delle forze dell’ordine, discreta ma determinata e capillare, che ha portato questa mattina al fermo di una persona, un vicentino di 43 anni. Sarebbe stata riconosciuta, a Vicenza, nella zona di Parco Città, l’auto sulla quale l’uomo viaggiava quella sera, una Volkswagen Golf grigia.

E’ così scattato il controllo della polizia locale di Vicenza, che ha permesso di accertare che il 43 enne vicentino ha la patente revocata. Per questo è stato subito denunciato per guida senza patente, con la relativa confisca della macchina. Tra l’altro, questo aspetto potrebbe anche giustificare la fuga e quanto è successo mercoledì sera. Se sarà accertato che, a Motta di Costabissara, è stato davvero lui a fuggire e trascinare l’agente sull’asfalto, dovrà rispondere anche di lesioni gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *