Si ferisce con un fucile artigianale e viene arrestato

Tezze sul Brenta – Una telefonata alla centrale operativa avverte i carabinieri che a Tezze sul Brenta si è verificato un serio infortunio in casa di un uomo di 34 anni. È accaduto nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì 24 aprile e, secondo le prime informazioni raccolte dai militari della Stazione di Rosà, l’incidente potrebbe avere a che fare con gli esplosivi.

Parte del materiale trovato a casa dell'uomo
Parte del materiale trovato a casa dell’uomo

I militari dell’arma effettuano allora una perquisizione nella casa del 34enne, compiuta per accertare l’eventuale presenza di armi, munizioni o altro materiale esplodente. Un controllo che si conclude con il ritrovamento di un fucile “clandestino”, di fabbricazione artigianale, di polveri e altro materiale che prevede, per il suo possesso, una autorizzazione di polizia.

Per quanto riguarda il ferimento del tedaroto, potrebbe essere stata proprio la produzione poco accurata e non autorizzata del fucile la causa dell’incidente. La parte posteriore dell’arma non avrebbe retto alle pressioni di sparo e sarebbe esplosa contro il 34enne, causandogli lesioni multiple al volto ed alla mano destra guaribili in trenta giorni.

In seguito a questo incidente l’uomo è stato arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo. “Fra l’altro – sottolineano i militari in una nota – il ferito era già stato colpito dal divieto prefettizio di detenzione di armi e munizioni, per comportamenti precedenti in materia di armi non rispondenti a criteri di legge”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità