Breaking News

Romano, coltiva marijuana nel soppalco. Arrestato

Romano d’Ezzelino – Riscaldamento, lampade, igrometri, ventilazione e temporizzatori. Era attrezzata di tutto l’armamentario necessario per la coltivazione professionale di marijuana la stanza che i carabinieri della Stazione di Romano d’Ezzelino hanno ritrovato, celata dietro ad alcuni armadi, in un soppalco. Una scoperta che ieri ha fatto scattare le manette ai polsi di un insospettabile lavoratore ezzelino di 43 anni, con l’accusa di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Questa mattina, dopo la celebrazione del rito direttissimo, l’arresto è stato convalidato ed F.I., queste sono le iniziali dell’uomo, ha patteggiato un anno e quattro mesi, con pena sospesa. Inoltre dovrà pagare una multa di quattromila euro.

Come già capitato diverse volte, a mettere in moto questa operazione dei carabinieri sono state delle segnalazioni. Alcuni cittadini, infatti, avevano riferito, ai militari, strani movimenti nei pressi della casa del 43enne. In particolare, alcuni individui, già noti per essere assuntori di stupefacenti, specialmente marijuana, erano soliti fare dei veloci ingressi proprio in quei locali.

I carabinieri, che hanno subito iniziato una attività di osservazione nelle vicinanze dell’abitazione, per verificare la validità delle segnalazioni, hanno constatato che gli accessi avvenivano solo dopo il rientro dal luogo di lavoro dell’arrestato. Un elemento che ha fatto nascere, negli uomini dell’arma, il pensiero che potesse essere proprio il posto di lavoro il possibile luogo dove veniva conservata la sostanza stupefacente.

E così, ieri pomeriggio, due pattuglie dei Carabinieri di Romano, guidate dal Luogotenente Crisci e dal Maresciallo Capo Baù, assistiti da personale del Norm del Luogotenente Bellanova, si sono presentati nel luogo di lavoro del 43enne, ispezionandolo minuziosamente. L’attenzione dei militari è stata attirata da un soppalco pieno di armadi che non sembravano fissati al muro. Ed ecco che, spostandone uno, è spuntato un ingresso occulto ad una coltivazione professionale di marijuana. Contenuti in vari barattoli sono stati sequestrati più di 700 grammi di marijuana pronta per lo spaccio. La perquisizione è stata poi estesa all’abitazione dell’ezzelino, dove sono stati trovati altri sei grammi della stessa sostanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *