Breaking News

Educazione stradale sul campo didattico a Thiene

Thiene – In questi giorni trentacinque classi quinte delle scuole elementari di Thiene, Calvene, Chiuppano, Fara, Lugo, Montecchio Precalcino, Sarcedo, Zanè, Zugliano e Villaverla stanno affrontando sul campo, vale a dire sul circuito didattico allestito nel cortile delle scuole Scalcerle, il tema dell’educazione alla circolazione stradale. Un tema del quale, da dieci anni, si occupa il consorzio di polizia locale Nord Est vicentino (Nevi), predisponendo specifici progetti negli istituti scolastici dei Comuni che fanno parte del consorzio.

Le lezioni del campo didattico sono strutturate in due momenti: per cominciare i ragazzi, muniti di bici e di caschi forniti dalla polizia locale, circolano con la supervisione di un vigile sulla pista in asfalto dotata di opportuna segnaletica verticale ed orizzontale, compreso il semaforo funzionante. Dopo questo primo momento, si suddividono in pedoni, ciclisti e vigili.

Questi ultimi, dotati di paletta e resi riconoscibili ai compagni dal berretto d’ordinanza, hanno il compito di segnalare le infrazioni commesse dai compagni pedoni e ciclisti. Al termine della lezione ad ogni ragazzo vengono consegnati un casco e un Attestato di competenza in circolazione stradale, rilasciato dopo aver superato una specifica prova sulla correttezza del comportamento del pedone, per le classi terze, e di ciclista, per le quinte.

L’iniziativa del consorzio di polizia locale Nevi coinvolge anche dieci scuole materne di sei comuni del territorio. In questo caso viene utilizzata segnaletica di ancor più ridotte dimensioni, a misura dei giovanissimi utenti.

“Dieci anni di vita per un progetto da dieci e lode – ha commentato il sindaco, Giovanni Casarotto -. Andare in bici è bello, ma bisogna conoscere e rispettare le regole della strada ed essere prudenti anche per quanti non lo sono. Il progetto del consorzio è importante e desidero ringraziare il comandante Scarpellini e i suoi collaboratori che portano avanti con successo e con tanta sensibilità questa iniziativa ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *