Breaking News
Camila Raznovich Foto di Di Elena Torre - Flickr.com, (CC BY-SA 2.0)
Camila Raznovich - Foto di Di Elena Torre - Flickr.com (CC BY-SA 2.0)

Bassano, il viaggio a “Incontri senza censura”

Bassano del Grappa – Sarà una serata dedicata al viaggio quella di mercoledì 26 aprile, alle 20.45, alla libreria La Bassanese. Nell’ambito di Incontri senza censura, nella galleria della libreria di Bassano del Grappa, l’ospite sarà Camila Raznovich, conduttrice televisiva e radiofonica, volto storico di Mtv Italia ed oggi al timone di Kilimangiaro, su Rai3, ogni domenica pomeriggio, e in onda tutte le mattine con “Radio 2 come voi”. La Raznovich, di madre italiana e padre di discendenza ebrea russa, entrambi cresciuti a Buenos Aires, fa tappa a Bassano per la presentazione del suo libro “Lo spazio tra le nuvole, il viaggio come cura”, edito da Mondadori, nel quale racconta ciò che ha imparato in quarant’anni di partenze e ritorni.

“Dal primo viaggio – psiegano gli organizzatori -, appena diciassettenne, in Grecia, all’ultimo, con le figlie Viola e Sole, in Thailandia, passando per Berlino, Londra, New York, ma anche l’India, l’Argentina, il Sud America e il Sudest asiatico. Ogni volta è partita con una domanda e ogni volta ha fatto ritorno con la risposta di cui aveva davvero bisogno, aggiungendo un prezioso tassello alla consapevolezza di sé. Si parte sempre per lo stesso motivo: per crescere. Perché solo così si riesce a svuotarsi per ritrovare poi un equilibrio, a fare spazio a ciò che sta per accadere”. A fare da moderatore sarà Alessandro Comin, della redazione bassanese del Giornale di Vicenza.

Durante l’incontro Camila Raznovich racconterà le sue esperienze, l’incontro e il confronto con culture diverse, con spiritualità profonde, con modi di interpretare la vita in base alle tradizioni del luogo. “Mentre attraversavo il Mekong – scrive ad esempio nel suo libro -, il fiume che separa il Vietnam dalla Cambogia, e dopo aver conosciuto lo stile di vita di quei luoghi, riflettevo sul fatto che, se non si possiede nulla, in fondo non si ha nulla da perdere. In occidente viviamo esattamente all’opposto: ci affanniamo per accumulare, salvo, poi, tremare di paura all’idea che ciò che abbiamo ci venga portato via. Perché questo secondo modo di vivere dovrebbe essere migliore?”

Ed ancora… “Il viaggio è uno strano mezzo di trasporto per l’anima: ci porta fuori da noi stessi per ricondurci al nostro centro, finalmente pronti ad accogliere il cambiamento che allora, potente come un fiume in continuo e armonioso divenire, potrà attraversarci senza far rumore, portando via con sé parti care ormai superflue, e purificando tutto il resto”. Il viaggio, inoltre, l’ha sempre aiutata a resettarsi: “sono partita piena di punti interrogativi, di ansie e di pensieri e sono tornata più leggera, lucida e libera. Nel frattempo, ho tagliato rami secchi, mi sono svuotata del superfluo per fare spazio al nuovo”. La serata sarà infine arricchita da letture dal vivo di Anna Branciforti del Canzoniere letterario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *