Breaking News
Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)
Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)

Autonomia, la risposta di Bottacin a Puppato

Venezia – “Puppato dice che le parole di Zaia sono gravi: certo che le sono, nel senso di pesanti come macigni, data l’importanza che il referendum avrà per il Veneto e per i veneti. Le parole della Puppato invece sono tragiche e lasciano trasparire la solita arroganza di chi cerca, peraltro senza riuscirci, di svilire le iniziative degli altri, soprattutto quelle che hanno un grande consenso popolare come il riconoscimento dell’autonomia per la nostra Regione. Faccia un bel bagno di umiltà la senatrice del Pd e verifichi cosa davvero pensano i veneti sulla possibilità di potersi finalmente esprimere in un referendum per vedere loro riconosciuti gli stessi diritti che hanno le popolazioni di Trento e Bolzano. Magari scoprirà che i nostri corregionali credono di più a Zaia che a lei”.

Risponde così l’assessore veneto Gianpaolo Bottacin alla senatrice Laura Puppato che ha definito inutile la consultazione sull’autonomia del Veneto che si terrà il prossimo 22 ottobre e di cui oggi il presidente Luca Zaia ha firmato il decreto di indizione del referendum consultivo.

“La Puppato non perde occasione per fare figuracce – prosegue Bottacin –, sollecitando con le sue uscite la memoria delle malefatte del suo partito proprio in materia di consultazioni popolari. Si è già dimenticata la senatrice, o fa finta di non ricordare, proprio lei che afferma di essere esperta in materia ambientale, come andò a finire il referendum sull’acqua? Che gli italiani votarono perché rimanesse pubblica e i governi di sinistra la privatizzarono, calpestando la volontà espressa dai cittadini”.

“È questo – conclude l’assessore – che lei immagina accadrà anche per l’autonomia del Veneto? La Puppato dice che il governo voleva trattare con noi maggiori competenze: non è forse lo stesso governo che il 4 dicembre scorso con uno sgangherato referendum voleva ridurre le competenze delle Regioni da 19 a 6?. Farebbe bene a preoccuparsi, la Puppato, che un simile atteggiamento dittatoriale da parte di un partito, che per di più si chiama democratico, non si ripeta anche di fronte all’esito del referendum di ottobre, perché i veneti non sono più disposti ad accettare in silenzio i soprusi di Roma e di chi governa maldestramente il nostro Paese”.

Sempre a proposito del referendum sull’autonomia c’è da segnalare la presa di posizione del consigliere regionale di Fratelli d’Italia Sergio Berlato, che sostiene il referendum “in quanto – scrive Berlato in una nota – non ritiene che ci possa essere alcuna incompatibilità tra l’autonomia del Veneto e la salvaguardia del valore dell’unità nazionale. Quindi il 22 ottobre 2017, Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale voterà e farà votare SI al referendum che chiederà di attribuire ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia per la nostra Regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *