Breaking News

Vicentini amanti del fai da te e dei selfie in cucina

Vicenza – Risparmio, cultura e qualità in cucina. Sono queste le tre priorità che Coldiretti è riuscita a concretizzare attraverso i mercati di Campagna Amica, che nella provincia di Vicenza sono quattordici e forniscono ai consumatori prodotti di stagione, freschi e di qualità. In poche ore, infatti, i produttori raccolgono i prodotti e li propongono ai consumatori.

“Siamo riusciti a realizzare un sogno – hanno spiegato il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola, ed il direttore, Roberto Palù, – un grande progetto iniziato nel 2000 con il patto con il consumatore, che oggi sta proseguendo avendo di fatto creato una filiera corta produttore-consumatore che si pone quale alternativa alla rete di distribuzione tradizionale. Una scelta che sembra essere stata premiata dai cittadini, che nei mercati trovano proprio chi produce e non dei meri venditori, persone che conoscono i prodotti, pronte a fornire suggerimenti su come conservarli e prepararli per esaltarne i sapori e la freschezza”.

Questo cambiamento nella modalità di acquisto, che punta sulla qualità, assieme alla diffusione sempre maggiore dei social network, ha portato quasi un vicentino su tre a cimentarsi in cucina, a scattare foto dei piatti preparati e poi a pubblicarle on line. “Un importante momento di socializzazione – hanno proseguito – che avvicina tutta la famiglia: dal sapere degli anziani, che tramandano le ricette, ai più audaci giovani, che vogliono sfidare l’accostamento dei gusti apparentemente meno conciliabili, con il comune intento di realizzare dei piatti nuovi ed entusiasmanti. Siamo orgogliosi di essere riusciti a regalare questo sogno”.

Sui social media, infatti, si assiste a vere e proprie sfide del gusto, a colpi di immagini dell’ultima prelibatezza sfornata che viaggia in rete e diventa oggetto di animate discussioni tra parenti e amici. I numeri del fenomeno sono interessanti: la passione per la cucina interessa ben il 69% degli italiani e anche se è ancora una pratica prevalentemente femminile, si afferma soprattutto nelle giovani generazioni una partecipazione maschile senza precedenti. Ben il 25% dei consumatori partecipa a community, blog, chat in internet che hanno come focus il cibo, uno degli argomenti più cliccati in rete. Il web diventa anche un luogo di confronto per effettuare le proprie scelte, con il 53% dei consumatori che almeno qualche volta lo ha utilizzato per confrontare prezzi o raccogliere informazioni sulla qualità dei prodotti alimentari.

“Dal boom della spesa a chilometri zero acquistata direttamente dal contadino – hanno concluso – viene la conferma della crescente attenzione alla qualità dell’alimentazione. Nel 2016 quattro consumatori su dieci hanno fatto la spesa dal contadino nei mercati degli agricoltori, luoghi dove è possibile fare acquisti dei prodotti locali direttamente dall’agricoltore, nel rispetto della stagionalità ma anche momenti di aggregazione, svago e socializzazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *