Breaking News

Nuovo piano di illuminazione a Marostica

Marostica – È stato approvato nei giorni scorsi, dal Comune di Marostica un piano di illuminazione per il contenimento dell’inquinamento luminoso. Si tratta del primo importante passo verso un progetto esecutivo che regolerà tutti gli impianti di illuminazione, pubblici e privati, del territorio. Il piano, denominato Picil e imposto per legge, sarà finanziato da contributi europei ai quali si è avuto accesso grazie al Consorzio altamente specializzato in campo amministrativo, illuminotecnico e finanziario. Il costo necessario per l’intervento è stimato in più di 1,5 milioni di euro, mentre il valore complessivo del progetto, compresi anche i costi di manutenzione dell’impianto è di circa 2,3 milioni di euro.

Nel dettaglio, si prevede la sostituzione di 1.938 corpi illuminanti, la posa di linee interrate per ottomila metri circa, l’adeguamento di 74 quadri elettrici e la sostituzione integrale di 29, la sostituzione di 251 pali e la modifica di 32. Si stima che questo intervento di riqualificazione possa portare ad un risparmio del 58% rispetto all’attuale consumo.

“È tempo – ha commentato il sindaco, Marica Dalla Valle – che risparmio energetico e riduzione dell’inquinamento luminoso diventino concetti chiave del nostro vivere quotidiano e delle politiche degli enti locali. Dopo uno studio accurato, Marostica sta concretizzando questo progetto virtuoso che inciderà nella vita della comunità, nel paesaggio che abbiamo il dovere di salvaguardare e nel futuro delle nuove generazioni, e che è parte integrante di tutti gli altri importanti progetti legati all’ambiente e al territorio”.

“Il piano approvato – ha aggiunto l’assessore ai lavori pubblici, Antonio Capuzzo – ci mette nelle condizioni di ottenere una serie di vantaggi importanti per il nostro Comune: dal miglioramento della sicurezza della circolazione stradale alla valorizzazione dei contesti urbani, alla protezione dei beni paesistici attraverso la riduzione dell’inquinamento luminoso, oltre ad un significativo risparmio energetico. Il prossimo passo che ci attende sarà la predisposizione del progetto esecutivo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *