Marco Goldin vicino al "Sentiero di notte in Provenza" di Van Gogh
Marco Goldin vicino al "Sentiero di notte in Provenza" di Van Gogh

Il ritorno di Goldin a Vicenza con Van Gogh

Vicenza – Marco Goldin e Linea d’ombra di nuovo a Vicenza. Dopo le tre grandi mostre degli anni passati, che hanno portato in Basilica palladiana i grandi classici della pittura universale, il curatore e critico d’arte trevigiano proporrà, sulla base di un accordo con il Comune di Vicenza, un’altra grande mostra negli stessi spazi. Stavolta l’esposizione sarà monografica e tutta dedicata a Van Gogh, la più grande mai fatta in Italia sul grande pittore olandese. “Van Gogh. Tra il grano e il cielo il suo titolo” sarà il titolo, e vi saranno esposte 120 opere tra dipinti e disegni.

La mostra sarà inaugurata il 7 ottobre e rimarrà aperta per sei mesi. Il ritorno di Goldin a Vicenza è stato voluto e reso possibile soprattutto dal vicesindaco, Jacopo Bulgarini d’Elci. “Il ritorno di Marco Goldin in città – ha commentato – sarà il coronamento del grande lavoro che Vicenza sta facendo per definirsi sempre di più come una città della cultura, del turismo, dell’arte. L’intero patrimonio storico palladiano della città sta conoscendo in questi anni una trasformazione e modernizzazione. La scommessa è semplice: la cultura si lega all’economia nel divenire chiave fondamentale di crescita individuale e collettiva”.

“Le prime tre mostre di Goldin – ha aggiunto il vicensindaco – sono state un fattore decisivo del rilancio culturale e turistico di Vicenza già dalla fine del 2012. Oggi il suo ritorno vedrà una città più forte e meglio attrezzata per cogliere le opportunità create da un progetto espositivo straordinario. Con la prossima stagione Vicenza punta a fissare stabilmente la propria posizione nella mappa delle destinazioni ideali, tappa obbligata nella scoperta del genio italiano e della storia della bellezza”.

La mostra verrà presentata in anteprima, in un incontro pubblico, sabato 18 marzo, alle 11, nel ridotto del Teatro Comunale di Vicenza. Sarà lo stesso Goldin ad illustrare, anche con la proiezione di  immagini, il percorso dell’esposizione ed il suo significato. E’ astata anche fissata la data di apertura delle prenotazioni per visitare la mostra, il 15 maggio. Più informazioni sul sito web di Linea d’ombra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *