Taglio del nastro per CasAgendo, a Vicenza
Taglio del nastro per CasAgendo, a Vicenza

Disabilità, inaugurata a Vicenza CasAgendo

Vicenza – Inaugurato questa mattina, per la giornata internazionale sulla sindrome di Down del 21 marzo, CasAgendo, un appartamento che si trova in contra’ Mure dei Carmini, a Vicenza, e dove vivranno giovani con disabilità. Durante la cerimonia il parroco, don Mario, ha benedetto l’abitazione e invitato i ragazzi, presenti con le loro famiglie, a sentirsi a casa sia nella vicina parrocchia dei Carmini sia in quella di San Marco, al di là del fiume.

L’abitazione, un appartamento di 100 metri quadri nel cuore della città, con tre camere da letto e una cucina spaziosa e luminosa, è stata messa a disposizione dal Comune, che l’ha identificata come la soluzione migliore per le famiglie e per i ragazzi, considerando proprio le caratteristiche della collocazione in una zona centrale e dell’accessibilità e comodità degli ambienti.

CasAgendo ospiterà un massimo di sei ragazzi e di due operatori, che si avvicenderanno nel tempo con percorsi di avvicinamento alla vita autonoma. Gli educatori professionali accompagneranno, infatti, i ragazzi nella cura della casa, nell’azione del fare la spesa e del cucinare e in tutte le attività di integrazione nel territorio. In alcuni casi e nelle fasi più avanzate del percorso, inoltre, i progetti di abitazione potranno prevedere anche la coabitazione dei giovani in completa, o quasi completa, autonomia.

“È davvero un bellissimo giorno per la nostra città – ha sottolineato l’assessore alla comunità e alle famiglie Isabella Sala -: auspico che in futuro ci sia sempre più collaborazione fra i soggetti preposti in progetti innovativi, rigorosi e credibili che rispondano ai desideri e alle aspirazioni delle persone con disabilità. Questo appartamento è un cuore nuovo di Vicenza che sarà una ricchezza per tutti”.

“I nostri figli – ha spiegato il presidente della associazione Agendo, Gaetano Povolo – non hanno bisogni speciali, ma necessitano di un supporto per credere in se stessi e nei propri sogni. CasAgendo è il risveglio dopo una notte di sogni, è la realtà. Essere in centro storico, muoversi da soli e fare esperienze diverse è di grande importanza, così come lo è stata la prima sperimentazione resa possibile grazie all’accoglienza dell’istituto San Gaetano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *