giovedì , 25 Febbraio 2021

Bando periferie, firmata a Roma la convenzione

Roma – E’ stata firmata questa mattina a Roma, a Palazzo Chigi, dal presidente del consiglio Paolo Gentiloni e dal sindaco di Vicenza Achille Variati, la convenzione che conferma l’assegnazione alla città del finanziamento governativo di 17 milioni 794 mila euro per la rigenerazione urbana, il così detto “Bando periferie”. Con il premier c’erano la sottosegretaria, Maria Elena Boschi, e il segretario generale di Palazzo Chigi, Paolo Aquilanti. Oltre a Vicenza, hanno firmato le città di Bari, Firenze, Milano, Bologna, Avellino, Lecce, Bergamo, Modena, Torino, Grosseto, Mantova, Brescia, Andria, Latina, Genova, Oristano, Napoli, Ascoli Piceno, Salerno, Messina, Prato, Roma.

Il sindaco di Vicenza era accompagnato dall’assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonio Marco Dalla Pozza. Com’è noto, Vicenza si è classificata quarta tra i 113 comuni capoluogo  che hanno concorso al bando, destinato a cofinanziare progetti di riqualificazione delle aree dismesse, entrando quindi nella rosa delle 24 città che hanno ottenuto subito i finanziamenti. La proposta di Vicenza, chiamata “Liberare Energie Urbane” e redatta dal Comune in collaborazione con Confindustria Vicenza Ance e Ordine degli architetti, ha ottenuto l’intera somma richiesta, pari a un finanziamento di 17 milioni 794 mila euro destinato ad alimentare un’operazione del valore di quasi 49 milioni di euro, dei quali 4,7 milioni già finanziati dal Comune e 26,3 milioni  dal privato.

Come è stato ricordato questa mattina dopo la firma della convenzione nella conferenza stampa tenutasi nella sede romana di Anci dai sindaci dei Comuni vincitori del bando, il progetto presentato dal Vicenza punta a “lavorare sui vuoti, sugli spazi interstiziali lasciati dismessi dalla delocalizzazione degli insediamenti produttivi che creano una cesura tra i quartieri residenziali urbani”. Sono 18 gli interventi del progetto, coordinati tra loro secondo i sistemi delle “energie verdi” (parchi nuovi o esistenti da riqualificare), delle “energie grigie (attività produttive dismesse con aree da bonificare) e delle “reti” (itinerari ciclabili, trasposto pubblico, bike sharing, ma anche progetti sociali).

Nel dettaglio, le aree ex produttive che Vicenza riqualificherà grazie al bando riguardano l’ex Centrale del latte, l’ex Zambon, via Monte Cengio, le ex acciaierie Valbruna e Beltrame. Ci sono poi le aree verdi rappresentate dal parco della Pace (accessi e parcheggi) e dal parco dell’ex colonia Bedin Aldighieri, i parchi storici Querini (ex serre Cunico) e Campo Marzo (viali laterali). Questi luoghi saranno messi in rete tra loro, e con il resto della città e del territorio, grazie a un progetto di bike sharing e tramite la connessione ciclabile con i comuni della cintura urbana. E’ previsto nel progetto anche un intervento di sistemazione idraulica in via da Pordenone e strada dei Molini, indispensabile a non marginalizzare quella zona di esondazione dell’Astichello.

Il piano prevede inoltre interventi che riguardano servizi alla persona, dalla riqualificazione dell’ex scuola elementare di Laghetto a quella delle vie Torino, Firenze e Ippodromo, entrambi recuperando idee progettuali presentate dai cittadini nell’ambito del bando sul bilancio partecipativo. Due interventi andranno infine a iniziative di sostegno degli anziani e per il reinserimento sociale delle persone che vivono in condizioni di marginalità. Complessivamente, il progetto riguarda 2.437 mila metri quadrati di superficie verde, 92 mila metri quadrati di aree ex produttive riqualificate ad uso pubblico, 6.683 metri quadrati di edifici rigenerati; 68,5 chilometri di piste ciclabili; 16 mila abitanti coinvolti dall’innovazione sul trasporto pubblico locale e quasi 3 mila cittadini interessati dai nuovi servizi di tipo sociale.

“È una giornata importante per Vicenza – ha commentato il sindaco Variati -, non ho memoria di altri progetti finanziati dal governo di tale entità per la nostra città. Si tratta di un progetto complesso, che accresce la qualità urbana e che ci permetterà di realizzare ricuciture per i quartieri attraverso mobilità sostenibile e punti di aggregazione che contribuiranno a portare Vicenza tra le città all’avanguardia. Va sottolineato che Vicenza si è classificata al quarto posto assoluto fra tutti i comuni italiani che hanno partecipato, riuscendo quindi ad entrare fra i 24 che hanno ottenuto subito i finanziamenti, unico capoluogo di provincia del Veneto ad aver raggiunto questo obiettivo. Ora l’impegno è progettare bene”.

“Ringraziamo l’ordine degli architetti e l’Ance con cui abbiamo sottoscritto il protocollo d’intesa per la progettazione – ha aggiunto l’assessore Dalla Pozza -. Questo progetto ci consentirà di valorizzare aree verdi della città, di riconsegnare ai cittadini aree produttive dismesse e di recuperare marginalità sociali. Il progetto, grazie al contributo dei privati, prima fra tutti la Zambon, ci consentirà di investire 48,8 milioni di euro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità