Arrestato per furto. Fingeva di vendere porta a porta

Crespadoro – Un uomo di 57 anni arrestato, nei giorni scorsi, dai carabinieri di Crespadoro con l’accusa di furto in una abitazione. Avrebbe usato come pretesto e mezzo per entrare nella casa presa di mira la vendita porta a porta di asciugamani e calzini. E’ un cittadino marocchino, Abdellatif Bengraych, residente nel veronese, a Legnago, che di mestiere fa in effetti il venditore ambulante, coniugato e pregiudicato. Tutto era comunicato da una denuncia per un furto presentata, in febbraio, da una signora di 85 anni, di Altissimo.

Abdellatif Bengraych

Le conseguenti indagini dei carabinieri hanno consentito di individuare e segnalare il marocchino all’autorità giudiziaria. Visti i precedenti specifici dell’uomo, le modalità usate per commettere il reato, il rischio della sua reiterazione, l’età delle vittime prescelte, i carabinieri hanno subito richiesto l’emissione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Vicenza, Barbara Maria Trenti, su richiesta del Pm, Hans Roderich Blatner, condividendo la richiesta, ha così emesso l’ordinanza a carico di Bengraych.

Scattate le ricerche, l’uomo è stato trovato nei giorni scorsi a Trissino, proprio mentre si dedicava al porta a porta. Come dicevamo, secondo la ricostruzione dei carabinieri, per avvicinare più agevolmente le proprie vittime, Bengraych simulava questa attività di vendita a domicilio e, una volta entrato nell’abitazione dei malcapitati, con degli stratagemmi, distraeva i proprietari di casa e si appropriava di denaro e valori, per poi allontanarsi indisturbato. Nel caso in esame il bottino sarebbe stato di 170 euro. Ora si trova nel carcere di Vicenza, mentre proseguono le indagini dei militari per verificare se sono riconducibili al marocchino altri furti simili nella zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *