In primo piano il colonnello Steven Marks e, dietro, l'assessore Dalla Pozza
In primo piano il colonnello Steven Marks e, dietro, l'assessore Dalla Pozza

Vicenza, primo tratto per la ciclabile “Pace-Zamenhof”

Vicenza – Inaugurato questa mattina, a Vicenza, il primo tratto della nuova pista ciclabile “Pace-Zamenhof”, lungo circa un chilometro, che fa parte del progetto di collegamento ciclabile tra il quartiere di San Pio X, la zona industriale est e l’oasi di Casale. Un tracciato che si estende per due chilometri, che prevederà uno stanziamento di circa 770 mila euro, dei quali 370 mila coperti da un contributo della Regione del Veneto.

Nel dettaglio, dal sottopasso ciclopedonale di strada degli Alidosio la nuova infrastruttura si affianca alla linea ferroviaria per Padova e, dopo circa cento metri di nuova realizzazione, raggiunge il sedime storico di strada della Caimpenta, dove è stato ricavato un percorso ciclabile tra gli alberi della vecchia strada statale. La pista effettua poi una svolta su via Cesare Augusto, raggiunge l’ingresso del Villaggio della Pace e prosegue infine sul margine ovest di viale Leonardo da Vinci fino a confluire nella “strada parcheggio” affiancata a via Zamenhof, consentendo ai ciclisti di raggiungere in sicurezza la zona industriale est.

Nell’ambito dell’intervento all’incrocio tra strada della Caimpenta e viale Camisano è stata riposizionata la fermata del trasporto pubblico locale, su entrambi i lati, in modo da offrire maggiori comfort e sicurezza agli utenti. Il collegamento appena realizzato sarà completato nella prossima primavera con la stesura del tappetino d’usura su alcuni tratti, operazione rinviata a causa delle attuali temperature che non consentono la finitura.

“Oggi – ha commentato l’assessore alla progettazione e sostenibilità urbana del Comune, Antonio Marco Dalla Pozza – inauguriamo una infrastruttura molto attesa da chi abita e lavora in questa parte di città e che risolve il problema del pericoloso transito di ciclisti e pedoni sul nodo di Ca’ Balbi-Stanga. La nuova ciclabile collega infatti, in assoluta sicurezza, il quartiere della Stanga con la zona produttiva di Vicenza Est e con il Villaggio della Pace e l’Oasi di Casale, con la prospettiva di un futuro prolungamento verso Torri di Quartesolo. E’ un obiettivo che abbiamo centrato grazie anche alla disponibilità delle autorità americane, che hanno acconsentito di spostare la recinzione del Villaggio della Pace, a loro cura e spese, in modo da fare spazio alla nuova ciclabile. Ci concentreremo ora sull’altro stralcio di questo progetto, con la prosecuzione della ciclabile lungo viale della Pace, fino al sottopasso che conduce a Porta Padova e quindi al centro cittadino”.

Questa pista ciclo-pedonale – ha aggiunto il colonnello Steven Marks, comandante Us Army Garrison Italy di Vicenza – rappresenta una sicura via di collegamento tra la Caserma Ederle e il Villaggio della Pace. La realizzazione di questo progetto consentirà a tanti americani di lasciare la loro auto a casa e di raggiungere in bici o a piedi la Caserma Ederle e il centro di Vicenza. Il progetto e’ parte di un vasto programma di sostenibilità del quale beneficeranno sia i cittadini di Vicenza sia i cittadini statunitensi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità