Teatro, Vicenza racconta le sue “Donne dimenticate”

Vicenza – La cultura rende liberi, la conoscenza storica consapevoli, la memoria immortali. Questo è il cuore di “Vicenza. Emozioni in cammino”. Nato dalla comune passione delle autrici e dall’amore per la nostra città, il progetto si è sviluppato nel corso degli ultimi due anni grazie al coinvolgimento di decine di persone, tutte legate da un forte senso di comunità. I buoni risultati ottenuti dalla pubblicazione dei due volumi di percorsi vicentini e la folta partecipazione di pubblico alle passeggiate emozionali hanno convinto l’associazione teatrale “Città di Vicenza” a trasformare il testo in uno spettacolo teatrale dal titolo “Donne dimenticate: luci e ombre di una città”

In occasione della Giornata della Donna, mercoledì 8 Marzo 2017, al Teatro San Marco di Vicenza, saranno proposti un primo spettacolo alle 16.30 e un secondo spettacolo alle 21. Ispirandosi ai testi di “Vicenza. Emozioni in cammino”, lo spettacolo propone una particolare immagine di Vicenza: un ritratto di signora, dalle tinte pastello, offuscato, a volte coperto da parecchie zone d’ombra. La città diventa così una gran dama, bellissima e altera, sicura della propria bellezza e del proprio fascino. La sua è una bellezza ostentata, truccata con uno spesso strato di cerone per coprire le tante rughe che affliggono il suo volto: l’indifferenza, l’arroganza, i soprusi e gli eccessi del potere.

Sotto la guida di questa grande signora, la narrazione tenta di sollevare il velo d’oblio che avvolge alcune delle storie delle tante donne, spesso perfette sconosciute, che hanno contribuito a forgiare l’anima della nostra città: da chi ha guidato una rivolta per fame a chi, armata di penna, ha chiesto già due secoli fa il diritto alle pari opportunità lavorative e professionali, la parità tra coniugi e il diritto allo studio. Emergono così alcune figure di donne generose, colte, religiose ma non bigotte, capaci di amicizia vera, duratura, immortale; donne che hanno amato, di un amore disinteressato e totalizzante fino all’estremo sacrificio.

Sono storie di vite che valevano la pena di essere vissute e che oggi vale ancora la pena di raccontare e di conoscere. Storie spesso dimenticate di vite sacrificate, ma senza memoria, come quelle di Nerina Sasso e Novelia Turato. La città non ha dedicato loro una lapide, una strada o una scuola ed è per questo, per amore di giustizia e di verità, che questo spettacolo teatrale si propone di restituire loro la dignità negata. E ha scelto di farlo proprio nel la Giornata della Donna: un modo particolare per riflettere sulla condizione di tante donne che con fatica e tenacia continuano ad affermare il proprio punto di vista e la propria sensibilità.

Inoltre, l’arte è patrimonio di tutti e la finalità di educare alla bellezza deve essere universale. In virtù di questo principio allo spettacolo è legata anche l’iniziativa del “biglietto sospeso”, direttamente mutuata dalla tradizione napoletana di lasciare un caffè pagato a chi non se lo può permettere. Con questa iniziativa si vuole dare la possibilità di assistere allo spettacolo anche a coloro che, viste le avverse condizioni economiche, sono costretti a razionalizzare le spese. Si tratta di un piccolo gesto di generosità, che costituisce anche un segnale di sensibilità ed un invito ad operare in prima persona per far avvicinare altri alla cultura.

Ma il “biglietto sospeso” potrebbe essere destinato anche a studenti che si siano particolarmente distinti nel loro impegno scolastico. Concretamente si chiede alle associazioni e ai concittadini di offrire uno o più biglietti a favore di persone indicate dalle associazioni stesse, dalle scuole e dall’amministrazione comunale. Fino a fine febbraio sarà possibile aderire a questa iniziativa mandando un sms o telefonando, dopo le 17, al numro 3331390513.  Parte del ricavato sarà destinato al progetto “La valigia di Caterina” grazie alla collaborazione della Consulta comunale per le politiche di Genere.

Lucio Zaltron

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità