Furto al depuratore di Medio Chiampo

Montebello Vicentino – Materiale tecnologico e informatico, computer, tre automezzi e alcune matasse di rame. È questo l’ingente bottino di un furto, avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì, messo a segno da ignoti, che hanno preso di mira l’impianto di depurazione di Medio Chiampo spa, gestore unico del servizio idrico integrato dei comuni di Montebello Vicentino, Zermeghedo e Gambellara.

Il fatto è stato scoperto solo questa mattina, quando i dipendenti sono arrivati al lavoro, nella sede dell’azienda che si trova in via Fracanzana, a Montebello. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, pare che i ladri abbiano scavalcato la recinzione e poi, per entrare nell’edificio, abbiano sfondato la porta di ingresso del piano terra e poi anche quella che si trova al piano superiore. Tra i beni sottratti, come detto, ci sono anche diversi computer, tra i quali anche gli apparecchi dedicati ai sistemi di controllo.

“Il danneggiamento – ha sottolineato il presidente di Medio Chiampo, Giuseppe Castaman – non è solo di carattere economico ma potenzialmente è anche gestionale e sul sistema di controllo impiantistico e di rete. In ogni caso, grazie al salvataggio di tutte le procedure non ci saranno conseguenze dal punto di vista operativo, sia nello svolgimento delle nostre attività sia nel normale funzionamento dell’impianto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *