mercoledì , 28 Aprile 2021

La Regione Veneto vieta il burqa e il niqab

Venezia – “Approvando il progetto di legge statale di iniziativa regionale, nato dalla fusione tra il progetto di legge da me presentato e quello del collega Villanova, Il consiglio regionale del Veneto ha mandato al governo un segnale politico forte: nessuno, per alcun motivo, nemmeno legato al credo religioso, può girare in luoghi pubblici o aperti al pubblico con il volto coperto”.

E’ il commento di Sergio Berlato, consigliere regionale e coordinatore per il Veneto di Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale, che in merito al provvedimento approvato dal consiglio regionale del Veneto spiega che si è semplicemente “interpretato il bisogno di sicurezza dei nostri cittadini e stabilito un principio di civiltà, chiarendo anche, in modo inequivocabile, che nessuno per nessun motivo può costringere un’altra persona ad occultare il proprio volto”.

“Questo perché – continua Berlato – troppe donne sono sottoposte ogni giorno a queste vessazioni, soprattutto nelle comunità di immigrati di fede islamica che spesso obbligano le donne ad utilizzare indumenti come il burqa e il niqab che, oltre ad essere illegali, sono veri e propri strumenti di violenza e mortificazione”.

“I buonisti di casa nostra – conclude il Consigliere – si mettano l’anima in pace. Questo provvedimento non è uno strumento contro una religione, ma un modo per ribadire in maniera chiara che chi vuole vivere sul nostro territorio deve imparare a rispettare le nostre leggi, le nostre tradizioni, la nostra cultura e la nostra religione, senza sconti per nessuno. Noi non abbiamo obbligato nessuno a venire nel nostro Paese. Chi sceglie di venire in Italia deve capire che deve rispettare le nostre leggi, altrimenti se ne torni immediatamente da dove è venuto ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità