Furti in abitazioni, un uomo fermato a Marostica

Marostica – Significativo colpo messo a segno dai carabinieri della Compagnia di Bassano del Grappa, per altro grazie a preziose segnalazioni dei cittadini, a contrasto del fenomeno dei furti, specialmente quelli  nelle abitazioni. Nella rete dei militari è finito per ora un uomo di 42 anni, Eljo Meraj, albanese, pluripregiudicato senza fissa dimora. Tutto è cominciato nei giorni scorsi quando vari cittadini hanno segnalato la presenza di una automobile, un Fiat Punto di colore blu, in zone in cui venivano commessi e tentati furti in abitazione, ogni volta con particolari o dettagli diversi, specialmente a Marostica e a Pove del Grappa.

Eljo Meraj
Eljo Meraj

L’analisi dei carabinieri sull’archivio delle autovetture rubate faceva emergere una Punto di colore blu rubata nel Padovano, la settimana precedente. La targa del mezzo veniva quindi indicata, per la ricerca attiva, a tutti gli equipaggi dell’Arma preposti al contrasto dei furti in abitazione. Ieri, verso le 18.30, l’auto rubata è stata intercettata, a Marostica, in Corso della Ceramica, da una pattuglia dei carabinieri della stazione locale, che si poneva al suo inseguimento, mentre numerose altre pattuglie convergevano sul punto per tagliare ogni possibilità di fuga ai malviventi.

Sentitisi braccati, gli uomini a bordo hanno lasciato la Punto in un campo, nei pressi di via Ravenne, proseguendo la fuga a piedi. I militari hanno però raggiunto e bloccato l’albanese, mentre altri due occupanti dell’auto sono riusciti a fuggire e sono in corso le loro ricerche. Nella vettura è stato trovato un flessibile, elemento che, secondo i carabinieri, avvalora la possibilità di una loro presenza sul territorio per commettere furti in abitazione.

Meraj è stato al momento fermato per la ricettazione dell’autovettura rubata. Ulteriori indagini verranno svolte per stabilire un eventuale il coinvolgimento dell’albanese in specifici episodi e per individuare possibili complici. Ora l’uomo si trova nel carcere di  Vicenza, in attesa delle decisioni dell’autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità