Fiom Vicenza: “Nel 2017 non si può più morire di lavoro”

Vicenza – “Come Fiom Cgil esprimiamo la nostra solidarietà e ci sentiamo vicini ai compagni di lavoro di Jovica Novic, serbo di 42 anni, marito e padre di famiglia, che è morto ieri in seguito alle gravissime ferite e traumi riportati nell’incidente sul lavoro avvenuto sabato 4 febbraio, a Santorso all’interno della Carpenteria Valmorbida”. Lo afferma in una nota Maurizio Ferron, segretario generale della Fiom Cgil di Vicenza e provincia.

Maurizio Ferron
Maurizio Ferron

“Questo infortunio – continua il sindacalista – ha il volto di Jovica, e dietro a questo decesso sul lavoro c’è la storia di una famiglia che viene bruscamente interrotta. Purtroppo, questo 2017 inizia nel peggiore dei modi, con un 2016 che ha fatto registrare nella sola provincia di Vicenza ben 24 morti sul lavoro, 24 persone che non sono tornate a casa dalle loro famiglie a sera o a fine turno”. Il segretario generale della Fiom Cgil berica si appella alla magistratura e agli organi preposti, come lo Spisal, affinché venga fatta luce nel migliore dei modi e più in fretta possibile sulla vicenda.

“Sta di fatto – sottolinea Ferron – che chiamare le morti sul lavoro tragiche fatalità e dire che in quell’azienda è tutto a posto, non è corretto e non ci basta. Se avviene un infortunio mortale significa che c’era un margine di rischio non accettabile. E questa volta è successo il peggio. Lo ripeto, non basta il rispetto formale degli adempimenti riguardanti la sicurezza e la salute sul posto di lavoro. Bisogna fare di più e segnalare i cosiddetti mancati incidenti per rimuovere ogni situazione di potenziale rischio, perché proprio questi mancati incidenti sono un campanello d’allarme, una cartina al tornasole che fa capire che in quel determinato processo di produzione esiste un rischio che va circoscritto ed eliminato. Nel 2017, non si può più morire di lavoro!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità