Breaking News

Dati positivi da economia e commercio a Thiene

Thiene – Al di là delle difficoltà per il commercio e l’economia, legate alla crisi che dal 2007 attanaglia il paese, Thiene si conferma essere una “città impresa”, che mostra piccoli, ma incoraggianti segnali di ripresa. A confermarlo sono le elaborazioni dello sportello unico attività produttive de Comune e della Camera di commercio di Vicenza, sui dati di Infocamere e del Registro delle imprese.

Dando un’occhiata ai numeri, si nota come, a Thiene, dal 2014 il numero di imprese sia cresciuto di 44 unità, passando da 3508 a 3522, mentre il numero di addetti sia salito da 10693 a 11371. Considerando solo l’ultimo anno, poi, il territorio comunale ha registrato un incremento di 23 attività e si sono creati circa 500 nuovi posti di lavoro.

Nella top ten dei comuni della provincia per numero di imprese, Thiene si colloca al quarto posto, dietro a Vicenza, Bassano e Schio, città molto più popolose. Se, infatti, si considera il numero di imprese per abitante, tra i primi dieci comuni in graduatoria Thiene risulta essere al primo posto, visto che ne conta una ogni 6,9 abitanti, meglio di Vicenza (una ogni 7,2), Bassano (una ogni 7,3) e Schio (una ogni 9).

Dando, invece, uno sguardo al rapporto tra addetti e numero di abitanti, il dato di Thiene è di un addetto ogni 2,1 abitanti, una cifra che colloca la città al secondo posto, con Altavilla Vicentina, e dietro ad Arzignano (uno ogni 2), tra i primi dieci comuni della provincia per addetti alle unità locali registrate. Completano il podio Montecchio Maggiore e Marostica (uno ogni 2,4). Medaglia di legno per Vicenza, con uno ogni 2,5. Considerando i 498 nuovi posti di lavoro creati dall’economia thienese, i settori più coinvolti sono il cosiddetto terziario avanzato, vale a dire i servizi (153 nuovi assunti), l’industria manifatturiera (114) e le attività del commercio e del turismo (113).

Focalizzando poi l’attenzione sul commercio, l’analisi fatta ha considerato il numero delle imprese e le superfici di vendita delle varie tipologie di esercizi commerciali. Per entrambi questi aspetti sono stati messi a confronto i negozi al dettaglio (con una superficie di vendita fino a 250 metri quadri) e i pubblici esercizi da una parte e le strutture di media e grande dimensione dall’altra. Nel 2016 a Thiene, i primi erano 564 (120 più 444) mentre i secondi 80. Nel 2013 il rapporto era 532 a 81. Ancora più interessante è il rapporto percentuale tra la superficie totale dei piccoli esercizi e quella dei grandi. Nel 2013 questo era 45,8 (41.555 metri quadri) contro 54,2 (49.236), simile a quello del 2016 (44,7%, 43.866 mq, contro 55.3%, 54.247). In sintesi, in questi quattro anni sono cresciuti sia i medi e grandi esercizi sia quelli piccoli e il rapporto rimane pressoché invariato.

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *