Elena Donazzan
Elena Donazzan

Quero, Donazzan: “Di Variati la responsabilità politica”

Vicenza – “Ricordo ancora le parole pronunciate dal sindaco Variati nel 2008 dopo che Matteo Quero fu denunciato dai carabinieri per guida in stato d’ebbrezza. Noi pensiamo che chi sbaglia deve pagare – disse il primo cittadino – e Quero pagherà per quello che è stato certamente un errore. Ma siamo convinti che tutti devono avere la possibilità di rimediare, una seconda opportunità di redenzione. Ebbene, dalle cronache odierne pare che Quero abbia imparato quella lezione, abbandonando l’alcol… per darsi alla droga”.

Esordisce con sarcasmo l’assessore regionale del Veneto di Forza Italia, Elena Donazzan, commentando la notizia dell’arresto in Germania per detenzione di stupefacenti dell’amministratore unico di Amcps, Matteo Quero.

“Al netto delle facili ironie – riprende Donazzan – la faccenda è grave. Sono sempre stata convinta, senza ipocrita perbenismo, che per un amministratore non esista confine tra vita pubblica e privata, perché la politica, a maggior ragione in un periodo in cui vede minata la propria credibilità, deve essere intrapresa con stile e trasparenza. Un amministratore non può permettersi di compiere il contrario di ciò che chiede ai cittadini e se lo fa deve pagare, punto. Qui oggi ci troviamo di fronte a un arresto e quindi Quero dovrebbe ritirarsi definitivamente a vita privata per evitare di esporre le proprie debolezze e l’immagine di Vicenza al pubblico ludibrio della stampa locale e nazionale, cosa peraltro già accaduta”.

“Accanto alla responsabilità diretta di Quero – conclude l’assessore – c’è quella indiretta di Variati che lo ha scelto per ben due volte. E oggi l’unica vittima di tradimento è la città di Vicenza che ha subito un significativo danno d’immagine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *