15 punti per Laura Macchi, la migliore realizzatrice del Famila nella vittoriosa semifinale contro Venezia
15 punti per Laura Macchi, la migliore realizzatrice del Famila nella vittoriosa semifinale contro Venezia

Basket, Schio e Lucca in finale di Coppa Italia

Saranno Schio e Lucca, domani, alle 18, a contendersi la Coppa Italia 2017. È questo l’esito della prima giornata di gare delle Final Four, giocata al PalaTaliercio di Mestre. Nella partita delle 17.30, tra le padrone di casa della Reyer Venezia e il Famila Wuber Schio, le arancioni si sono imposte con il punteggio di 55-67. Nella seconda semifinale, invece, la Gesam Gas Lucca ha travolto, per 81-49, la Passalacqua Ragusa, in un confronto mai in discussione.

Il primo canestro di questa semifinale è di Zandalasini, 0-2. Il vantaggio arancione dura poco, perché l’americana Walker pareggia subito i conti, 2-2, e poi la Reyer si porta in testa, con la tripla di Micovic, 2-5. È immediata la replica di Macchi, 5-5, poi però le padrone di casa, trascinate dalla statunitense ex Schio e da Fontenette, tentano la fuga, 13-8. Tanti i cambi di coach Procaccini, in questo quarto d’apertura e, con l’inserimento di Sottana, arriva la svolta per il Famila. La play trevigiana, infatti, firma 7 dei 9 punti con i quali le ospiti rovesciano il risultato, 13-17. Il botta e risposta tra Ruzickova e Masciadri chiude la prima frazione sul 15-19.

Nel secondo parziale, sul 20-27, le leonesse si riportano a contatto, 26-27, ma le scledensi, non si fanno acciuffare e, con Anderson e Gatti, ripristinano le distanze, 26-31. Mentre per Venezia sono solo cinque le giocatrici andate a referto fino ad ora, Schio ha potuto contare sul contributo di ben nove atlete (solo Miyem è rimasta a secco), segno di una maggiore propensione al gioco di squadra. Una capacità che premia le ospiti, che vanno negli spogliatoi sul risultato di 35-41.

Alla ripresa del gioco dopo la pausa lunga, Venezia è in difficoltà. Dopo più di due minuti e mezzo, infatti, le orogranata non sono ancora riuscite a far avanzare il tabellone. Non che l’attacco di Schio sia così letale, ma le due entrate vincenti di Zanalasini, valgono comunque la doppia cifra di vantaggio, 35-45. Dopo il time out chiesto da coach Liberalotto, le leonesse limano il passivo, 43-49, ma non riescono ad andare oltre. Schio infatti, pur senza staccare in maniera netta le avversarie si mantiene al comando e chiude anche la terza frazione in testa, 45-53.

In apertura di ultima frazione Ruzickova accorcia, 47-53, poi in campo ci sono solo le arancioni. Combinando una difesa che non concede nulla alle avversarie e un attacco vivace, le scledensi balzano infatti a + 20, 47-67 e, di fatto chiudono la partita. Il Famila abbassa i ritmi e, dopo più di sette minuti di astinenza, si rivedono le padrone di casa. Servono a poco i canestri di Micovic, Ruzickova e Dotto, perché al quarantesimo il tabellone è fisso sul 55-67, un risultato che consegna alle vicentine il pass per la finale di domani.

Venezia: Micovic 8, Melchiori, Carangelo 6, Sandri, Cubaj, Ruzickova 12, Dotto 6, Togliani, Fontenette 7, Walker 16, Favento

Schio: Martinez 4, Bestagno 1, Gatti 2, Miyem, Tagliamento 2, Anderson 13, Masciadri 2, Zandalasini 11, Sottana 9, Ress 8, Macchi 15.

Nella seconda semifinale, quella tra Lucca e Ragusa, iniziata alle 19.45, dopo l’iniziale 0-4 per le siciliane, le biancorosse impongono il loro gioco, spingendo in transizione e difendendo con grande intensità. 8 i punti di vantaggio delle ragazze di coach Diamanti alla prima sirena, 21-13, e poi, nei secondi dieci minuti, la forbice si allarga fino al + 18, 44-26. Nella ripresa la musica non cambia: la Gesam la fa da padrona e la Passalacqua è incapace di reagire. Alla terza sirena, infatti, il vantaggio delle toscane sfiora le trenta lunghezze, 64-36. È Battisodo, in avvio di ultimo quarto, a siglare il +30, 66-36. Anche nell’ultimo parziale Lucca gioca in scioltezza e, nonostante il tecnico biancorosso conceda spazio alle giovani, le Aquile non riescono mai ad entrare in partita e incassano un pesante -32, 81-49.

Lucca: Battisodo 7, Landi, Tognalini 10, Pedersen 6, Dotto 12, Wojta 10, Harmon 16, Crippa 7, Miccoli, Salvestrini ne, Ngo Ndjock 11, Mandroni 2

Ragusa: Larkins 8, Consolini 8, Gorini 9, Valerio, Spreafico 6, Formica 4, Bagnara 2, Brunetti, Vanloo 5, Ndour 7

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità