Arzignano, inaugurato il nuovo ecocentro

Arzignano – “Una doppia vittoria per la città”. Così il sindaco di Arzignano, Giorgio Gentilin, definisce l’inaugurazione del nuovo ecocentro in via 8^ strada. Un nuovo sito che sostituisce quello esistente di via Olimpica che, come ricorda anche il sindaco, era collocato “in una zona inadatta, che non permetteva di gestire adeguatamente la raccolta”. Il nuovo ecocentro, che ha inizato a funzionare con il primo di febbraio, è un area di raccolta moderna ed efficiente, adatta ad una città di 26 mila abitanti.

Il vecchio centro di raccolta dei rifiuti Olimpica aveva infatti dimensioni ridotte, una scarsa razionalità degli spazi interni e della viabilità di accesso, sia per gli utenti che per i mezzi pesanti. La soddisfazione è inoltre doppia per l’amministrazione comunale poiché l’inaugurazione dell’ecocentro arriva qualche giorno dopo la decisione di Agno Chiampo Ambiente di tornare sui suoi passi e di prorogarne per un altro anno la concessione della gestione alla Cooperativa Insieme.

“Un successo – ricorda Gentilin – determinato dall’impegno della giunta che governa Arzignano. Con una nostra richiesta perentoria alla società, abbiamo sottolineato il grave danno che la cooperativa avrebbe subito e con essa i dipendenti e i volontari che vi lavorano da anni. Una cooperativa attiva da 17 anni e che dal 2008, impiegando quasi 90 persone, lavora in convenzione con Agno Chiampo Ambiente”.

Come detto, la nuova struttura sorge all’interno di un’area pubblica di via 8^ strada, nelle immediate vicinanze della sede dei magazzini comunali. Il nuovo ecocentro non sarà solo accessibile con maggiore facilità rispetto a quanto avveniva finora, ma permetterà anche di aumentare le tipologie di rifiuti conferibili e quindi migliorare ed ampliare il servizio offerto.

Quanto alle caratteristiche dell’impianto, esso ha una superficie complessiva di circa cinquemila metri quadrati. Ha una parte operativa rialzata, dalla quale si possono scaricare i rifiuti nei cassoni di 800 metri quadri; la viabilità interna è stata studiata in modo  da garantire agli utenti un percorso a senso unico antiorario per facilitare le operazioni di scarico.

Saranno disponibili in tutto 18 containers (quelli attuali sono 9) e quelli destinati allo stoccaggio dei rifiuti contenenti sostanze non pericolose saranno posati su due basamenti in calcestruzzo impermeabili di 534 mq di superficie, posti nei due lati lunghi della piattaforma rialzata. I rifiuti contenenti sostanze potenzialmente pericolose saranno invece dislocati in appositi contenitori carrellati, secondo l’esigenza specifica di stoccaggio, nelle due aree coperte rialzate rispetto alla piastra di appoggio dei container.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità