Breaking News
La base militare americana nell'area ex Dal Molin
La base militare americana, con davanti l'area ex Dal Molin

Vicenza, una giornata contro guerra ed ecomostri

Torna in piazza, a Vicenza, il movimento no war e per la tutela dei beni comuni, con una manifestazione provinciale, che si terrà sabato 21 gennaio, per “fermare le grandi opere – scrivono gli attivisti in una nota annunciando l’iniziativa – e la devastazione dei territori”. Il concentramento del corteo è previsto per le 15.30, in piazza Matteotti. Sarà poi attraversato il centro della città, passando per Borgo Berga e arrivando in chiusura in piazza Castello. Ad organizzarla sono il gruppo Vicenzasisolleva, il Presidio No Dal Molin, i No Pedemontana, il comitato Salviamo la Valdastico, i cittadini contro il Tav, e la Rete dei comitati Altovicentino.

“Attraversando l’ecomostro di Borgo Berga – si legge ancora nella nota – vogliamo richiamare l’attenzione su una delle principali criticità ambientali della nostra città, che è anche il luogo di una scandalosa speculazione edilizia posta sotto inchiesta, utile solo alla cricca dei soliti poteri forti che pensano di imporre dall’alto le loro decisioni. C’è invece ancora una Vicenza che si solleva, che vuole dire no alle imposizioni per fare spazio a una città più libera, costruita dal basso, sostenibile e sociale”.

“Il corteo – continuano gli attivisti – cade proprio nella giornata di mobilitazione globale lanciata dalle donne contro l’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca. In tante città americane ed europee, decine di migliaia di donne e uomini scenderanno in piazza per far sentire la loro voce contro una politica misogina, razzista e al servizio delle grandi multinazionali. Anche da Vicenza ci uniamo a questo movimento, con il corteo del pomeriggio, per far sentire forte anche la nostra voce”.

A chiudere la manifestazione, alle 20, al presidio a Ponte Marchese, ci sarà una parentesi si festa, con la cena, il concerto delle Sgrexende e la partecipazione di Carlo Presotto.  L’indomani, domenica 22 gennaio, sempre al presidio, la giornata sarà dedicata ai beni comuni, con il mercato dei produttori locali dalle 10 alle 17 e il dibattito dedicato a Pfas e discarica del Melagon (ore 16). Un ospite speciale chiuderà la giornata di domenica. Si tratta del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, che parlerà della città come bene comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *