Arte, Cultura e Spettacoli

Vicenza, il “Nabucco” al Cinema al Ridotto

Inizia con l’opera lirica, il 2017, la programmazione del Cinema al Ridotto del Teatro Comunale di Vicenza. Martedì 10 gennaio, alle 20, sarà infatti trasmesso in diretta, via satellite, dalla Metropolitan Opera House di New York, il “Nabucco” di Giuseppe Verdi, con Plácido Domingo nel ruolo del sovrano protagonista. Diretta dal maestro James Levine, l’opera ha un cast notevole, con la soprano ucraina Liudmyla Monastyrska nel ruolo della donna guerriero Abigaille e la mezzosoprano georgiana Jamie Barton in quello dell’eroica Fenena, mentre i ruoli maschili principali sono affidati a Dmitry Belosselskiy (Zaccaria) e a Russel Thomas (Ismaele).

L’intramontabile capolavoro che racconta la prigionia del popolo ebraico a Babilonia, opera simbolo della lotta contro l’oppressione, imponente dramma lirico in quattro parti della durata di quasi tre ore, sarà proiettato in alta definizione, dal prestigioso teatro di Manhattan, in una versione che ha ottenuto consensi entusiasti dalla critica e dal pubblico.

“Nabucco”, terza opera di Verdi, si apre nella Gerusalemme del sesto secolo avanti Cristo, con la città assediata dal re babilonese Nabucodonosor. Unica speranza di salvezza è Fenena, figlia del sovrano, presa in ostaggio, che sarà tuttavia liberata dal giovane Ismaele, innamorato di lei. Ormai perduti, gli ebrei vengono fatti prigionieri e condannati a morte da un’altra figlia del sovrano, la crudele Abigaille, che nel frattempo ha spodestato il padre. La salvezza arriva gloriosa quanto inattesa, sotto forma di un’improvvisa conversione di Nabucco, che a capo di un esercito di pochi fedeli rovescia il governo di Abigaille, graziando i prigionieri e invocando Jeovah.

L’opera, che decretò il successo di Giuseppe Verdi come compositore, debuttò al Teatro alla Scala di Milano il 9 marzo 1842. Per molto tempo, sia quest’opera che il suo creatore, sono stati considerati parte integrante di quel fervore politico che portò alla nascita del Regno d’Italia. In particolar modo lo è stato il celebre coro “Và pensiero, sull’ali dorate”, che narra l’esilio degli ebrei a Babilonia, letto come una eco dei sentimenti italiani contro la dominazione austriaca.

Quanto infine al tenore protagonista, Plácido Domingo torna al Metropolitan Opera House nel ruolo di Nabucodonosor, personaggio che aveva già intepretato all’opera di stato di Vienna e alla Royal Opera House. Con il Metropolitan, dopo il suo debutto all’interno della compagnia nel 1966, Domingo ha partecipato a 678 spettacoli in qualità di cantante e a più di 150 come direttore d’orchestra. I biglietti per il Cinema al Ridotto si possono acquistare anche online sul sito del teatro www.tcvi.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button