Veneto

Sedici arresti in Veneto per gli assalti ai bancomat

Sedici persone sono state arrestate questa mattina in Veneto nell’ambito di una operazione condotta dai carabinieri di Treviso in collaborazione con i comandi territoriali competenti visto che ad essere interessata è buona parte della regione. Le provincie sono infatti quelle di Padova, Venezia, Vicenza e Verona, oltre alla stessa Treviso, mentre le accuse che vengono mosse riguardano gli assalti ai bancomat, spesso con forti esplosioni, che si sono susseguiti nel mesi scorso un po’ ovunque in Veneto.

Le persone arrestate ritenute membri di sue diversi sodalizi criminali specializzati in questi assalti, sono ritenute responsabili di almeno una trentina di episodi, sia in Veneto che in altre regioni del nord Italia. da sottolineare che i destinatari delle misure cautelari di oggi, 15 in carcere ed uno ai domiciliari, erano già stati arrestati alla fine dello scorso mese di settembre e poi rimessi in libertà per decisione del tribunale del riesame di Venezia.

Parole di soddisfazione per l’operazione di oggi dei carabinieri sono state espresse dal presidente della regione Veneto Luca Zaia. “Ancora un bel colpo – ha detto il governatore -. I carabinieri si confermano come un insostituibile presidio di legalità. A loro va la mia gratitudine e quella dei milioni di veneti per bene”.

“La criminalità sul territorio – ha aggiunto Zaia -, quella che colpisce semplici cittadini, esercenti, i bancomat delle banche, è la peggiore, perché incute quel senso di insicurezza, che fa temere alla gente di poterne essere coinvolta in qualsiasi momento. Successi come questi contribuiscono non solo a buttare in galera (si spera a lungo) i delinquenti, ma anche a inviare un messaggio di tranquillità alle gente. La battaglia è dura, ma le nostre forze dell’ordine non mollano”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button