La merce recuperata
La merce recuperata

Schio, inseguimento nella notte. Un arresto per furto

Un vero e proprio inseguimento come nei film, prima in auto e poi a piedi, è andato in scena alle prime luci dell’alba di domenica 22 gennaio, per le vie del centro di Schio. Davanti, in fuga, un uomo a bordo di un’auto rubata e dietro, a tallonarlo senza perderlo mai di vista, i carabinieri scledensi. Alla fine l’epilogo, con il blocco del guidatore, che è stato denunciato in stato di libertà con l’accusa di furto e di ricettazione.

Questo è il quadro di quanto successo ieri mattina. Entrando più nel dettaglio, tutto è iniziato quando i carabinieri hanno visto circolare un’auto, un’Alfa Romeo 159, che, come detto, era stata rubata poco prima, mentre si trovava parcheggiata in via Bembo. Subito i militari si sono gettati all’inseguimento. Il guidatore, non riuscendo a seminare la pattuglia, ha abbandonato l’auto in via Rovereto ed ha proseguito la fuga a piedi. Così hanno fatto anche i militari, scesi dalle macchine per continuare l’inseguimento di corsa.

Dopo aver percorso alcuni chilometri l’uomo è stato bloccato e accompagnato in caserma, dove sarebbe stato identificato in B.H, un tunisino di 33 anni nullafacente e già noto alle forze dell’ordine. In seguito ad un controllo effettuato, nell’Alfa Romeo sono state trovate diverse attrezzature, tra le quali una sega circolare, due avvitatori elettrici, un seghetto alternativo, due piallatrici elettriche per legno, un trapano, una sega elettrica, una sega flessibile a scoppio da edilizia, una graffettatrice elettrica ed una ad aria compressa, un frullatore da cucina, quattro valige trolley contenenti indumenti e scarpe di vario genere, un passeggino ripiegabile, una bicicletta.

Merce che i carabinieri ritengono essere provento di furti che sarebbero stati messi a segno nella notte, all’interno di alcuni garage. Da qui l’accusa, per l’uomo, di furto e di ricettazione. Conseguenti accertamenti hanno permesso di identificare i proprietari degli oggetti rinvenuti, per la successiva restituzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *