Economia

Pensioni, Confartigianato: “Patto tra generazioni”

“L’intervento del presidente dell’Inps Tito Boeri, secondo il quale la manovra pensionistica contenuta nella Legge di Stabilità 2017 scarica gli oneri sulle generazioni future, è un tema sul quale già in passato abbiamo espresso analoghe posizioni, rilevando l’incongruità di un sistema che non vuole affrontare alla radice il tema dell’equità sociale”. Agostino Bonomo, presidente provinciale di Confartigianato Vicenza, e Sandro Venzo, delegato associativo alle politiche della formazione e del lavoro, riprendono l’argomento ricordando che recentemente lo stesso Boeri aveva affermato che i trentenni di oggi andranno in pensione a 75 anni e avranno un assegno più basso del 25%, ponendo in primo piano proprio la questione generazionale.

“Sul punto – spiega Bonomo – abbiamo più volte sostenuto che la precarizzazione del lavoro giovanile e le norme di rallentamento dei pensionamenti hanno contratto in modo innaturale il numero degli occupati nella fascia d’età 25-35, mentre è aumentato quello del personale anziano.  In questo contesto si innestano le nuove norme della Legge di Stabilità, che aumentano inevitabilmente la spesa pensionistica, senza porsi il problema della sostenibilità nel lungo periodo”.

In particolare, Boeri punta il dito contro l’estensione della quattordicesima mensilità ai pensionati, intervento che favorisce chi già gode di un trattamento pensionistico ma non affronta il tema dell’impatto che un aumento del debito provoca sulle nuove generazioni. Certo, non si tratta di gettare la croce addosso a chi percepisce dai 750 ai 1.000 euro di pensione al mese, riuscendo a malapena a sopravvivere. Tuttavia, se il sistema non si regge in equilibrio, anzi sprofonda sempre di più a seguito di scelte politiche che non hanno mai valutato a priori le conseguenze del debito implicito, allora c’è da chiedersi quale futuro ha in mente questo Stato per i nostri giovani.

“A parole – aggiunge Sandro Venzo, delegato alle politiche della formazione e del lavoro di Confartigianato Vicenza – tutti concordano che non si può far ricadere sui figli le colpe dei padri, dopo che per anni si sono sperperate risorse per garantire privilegi e interessi a danno delle future generazioni, con conseguente aumento sconsiderato della spesa pubblica. Se l’Italia non cresce o cresce troppo poco, se per ogni pensionato ormai c’è un solo lavoratore attivo, se il Paese sta invecchiando e non c’è ricambio generazionale, come si può pensare di costruire un futuro per i giovani che consenta loro di arrivare a ottenere una pensione dignitosa possibilmente prima degli 80 anni? Saremo condannati a finanziare la spesa pensionistica con assicurazioni private integrative?”.

“A noi piacerebbe – concludono i due dirigenti dell’Associazione – che lo Stato affrontasse il tema senza alcun condizionamento di bandiera, che desse delle risposte incoraggianti a chi è già entrato nel mondo del lavoro, ma soprattutto a chi dovrà entrarci in futuro: se questo comportasse il fatto di richiedere sacrifici, anche piccoli, a chi ha già goduto di trattamenti privilegiati, sarebbe solo il segnale che i padri iniziano a credere nei propri figli”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button