Breaking News

“Cabaret. Il Musical” al Teatro Comunale di Vicenza

E’ un frizzante appuntamento quello di gennaio, al Teatro Comunale di Vicenza, con gli spettacoli fuori abbonamento. E’ per giovedì 12 gennaio, alle 20.45, quando sarà di scena “Cabaret. Il Musical” proposto dalla Compagnia della Rancia, con Giampiero Ingrassia nel ruolo principale del maestro di cerimonie. Si tratta di un allestimento dello spettacolo completamente nuovo nell’impostazione, con scenografie importanti, costumi raffinati, luci evocative, potenti coreografie ed esplosivi quadri musicali, grazie ad una colonna sonora entrata di diritto nel patrimonio del genere.

Lo spettacolo non ha comunque, in sé, molto bisogno di presentazioni, trattandosi di un classico del teatro musicale. Il testo di Joe Masteroff è basato sulla commedia di John Van Druten e sui racconti di Christopher Isherwood, con le musiche di John Kander e le liriche Fred Ebb, tradotte da Michele Renzullo. Inoltre il titolo è molto famoso, grazie al film del 1972, che consacrò Liza Minnelli come una star del film musicale. Lo spettacolo originale aveva invece debuttato Broadway qualche anno prima, nel novembre 1966, quando fu rappresentato per la prima volta al Broadhurst Theatre dove rimase in scena per 1166 repliche.

“Questo nuovo allestimento di Cabaret della Compagnia della Rancia – si legge in una presentazione non è solo uno spettacolo musicale, ma anche un lavoro amaro, duro, toccante: è teatro nel teatro, con una scenografia che invade il palcoscenico, firmata da Gabriele Moreschi e dallo stesso Saverio Marconi. Eleganti e frutto di ricerca storica sono i costumi di Carla Accoramboni, che, insieme al disegno luci di Valerio Tiberi, regalano allo spettacolo atmosfere intense, talvolta quasi sospese”. Straordinaria la colonna sonora, grazie a brani intramontabili come “Wilkommen”, “Money”, “Maybe This Time” e “Life is a cabaret”. La direzione musicale è di Riccardo Di Paola, la supervisione musicale è di Marco Iacomelli, il disegno fonico di Enrico Porcelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *