Breaking News
Il materiale sequestrato dalla Guardia di finanza
Il materiale sequestrato dalla Guardia di finanza

All’alt sperona l’auto della GdF. Arrestato per spaccio

Avevano mezzo etto di cocaina in tasca e percorrevano una strada di Vicenza in auto quando una pattuglia della Guardia di Fiananza ha alzato la paletta per fermarli. Non ci hanno pensato due volte a quel punto, ed hanno speronato la vettura delle Fiamme Gialle, scappando via nella notte. E’ successo nella sera del 23 dicembre, in via Pierluigi da Palestrina, in zonaSsan Lazzaro, e protagonisti sono stati due uomini. entrambi di probabile origine nord africana.

Dopo un attimo di sorpresa per lo speronamento, i finanzieri si sono subito messi alle loro costole e li hanno anche visti gettare dal finestrino dell’auto un involucro. Ben presto però, per non rischiare disagi alla circolazione stradale e ai passanti che a quell’ora della sera festiva erano molti, i militari hanno però desistito dall’inseguimento, preferendo tornare indietro e recuperare l’involucro gettato dai fuggitivi. Ed è così che hanno accertato che si trattava di cocaina che, naturalmente, è stata sequestrata.

L’auto a bordo della quale i due soggetti sono fuggiti è stata poi ritrovata abbandonata, nel parcheggio interrato di un supermercato in strada delle Cattane. Proprio grazie alle registrazioni delle videocamere di sorveglianza del centro commerciale, è stato possibile identificare l’uomo alla guida dell’auto. Si tratta un marocchino di 43 anni, O.R. sono le sue iniziali, residente a Padova, già gravato da precedenti specifici nello spaccio di stupefacenti

Alla fine, nella tarda serata del 30 dicembre, i militari sono riusciti a rintracciarlo nell’abitazione di un connazionale. Lo hanno pizzicato proprio mentre stava per far perdere definitivamente le proprie tracce. Era infatti pronto a lasciare l’Italia alla volta del Marocco. Per lui invece si sono aperte adesso le porte del carcere San Pio X di Vicenza. Nella perquisizione dell’appartamento, le Fiamme Gialle hanno anche sequestrato un telefono cellulare, 300 euro in contanti e cinque sim card di vari gestori telefonici. Ulteriori accertamenti investigativi sono ancora in corso, per arrivare ad identificare l’altro occupante dell’auto fuggita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *