Un Vicenza sfortunato perde 2-1 a Novara

Un Vicenza sfortunato torna da Novara con una sconfitta difficile da digerire e che soprattutto rende pesante la situazione di classifica. Sotto un cielo grigio, nuvoloso, e con un certo freddo invernale, i biancorossi,  almeno all’inizio, oggi hanno acceso le speranze, poiché nel primo tempo hanno giocato bene. Sono andati subito in vantaggio ed hanno dimostrato che la squadra c’era. Il primo tempo è stato, si potrebbe dire, a loro favore, sebbene il Novara non abbia mai demeritato e fatto invece vedere di essere una formazione di tutto rispetto..

Alla fine i piemontesi hanno quindi meritato di vincere, ma anche il Vicenza non avrebbe forse rubato più di tanto se avesse acciuffato il pareggio. Forse stavolta a fare la differenza è stata anche la sorte, soprattutto è stato determinante un gesto forse involontario di Signori, certo una ingenuità, un tocco con un braccio in area sul quale l’arbitro non ha avuto dubbi ed ha decretato il calcio di rigore per i padroni di casa. Lo stesso Signori, a pochi minuti dalla fine della partita, si è anche fatto espellere per aver detto qualcosa all’arbitro. Per il resto, niente da dire di particolarmente negativo su quanto hanno fatto vedere in campo i veneti, che sono apparsi abbastanza lucidi e a tratti incisivi.

Per quanto riguarda i fatti salienti della partita, dopo la prima fase iniziale di studio, si vede subito un Vicenza spumeggiante, che fraseggia con il pallone e sa rendersi pericoloso. Alla prima occasione fa centro, dopo soli nove minuti, con Raicevic. Da sinistra Giacomelli serve bene Orlando che lascia partire un tiro secco ed insidioso. Il portiere del Novara respinge ma Raicevic è pronto a deviare in rete di testa. E’ l’uno a zero, ed il Vicenza finora convince, perché non si adagia sugli allori ma continua a macinare ed a creare occasioni.

Ma anche il Novara non sta a guardare e si rende anch’esso più volte pericoloso, finché non trova il gol al 34’. A firmare la rete del pareggio è Lucanovich, lasciato forse un troppo solo in area dalla difesa del Vicenza. Il primo tempo prosegue su ritmi alti, con continui rovesciamenti di fronte, per una partita bella e spettacolare. Il Novara colpisce anche una traversa, su una conclusione di Galabinov, con Benussi battuto.

Se il primo tempo ha visto un sostanziale equilibrio, nel secondo tempo il Novara dimostra di avere più energia dei biancorossi. I piemontesi cominciano subito attaccando e, all’11’, c’è l’episodio che decide la partita: Dickmann raccoglie una palla in area del Vicenza e cerca di aggiustarsela per il tiro quando Signori, che lo contrasta, alza un po’ il braccio e devia il pallone. L’avversario riesce ancora a tirare, ma la deviazione lo rende impreciso ed il pallone va fuori. L’arbitro però ha visto tutto, e non ha dubbi indicando il dischetto.

A trasformare il rigore ci pensa Galabinov e, per il Vicenza, è ora tutta strada in salita. Ci provano in tanti a cercare il pareggio: Bellomo, Di Piazza, che era entrato al posto di Raicevic, colpito duramente e dolorante già a metà del primo tempo. Anche lo stesso Signori cerca di farsi perdonare l’ingenuità del fallo da rigore. La sua, un colpo di testa fuori di poco su suggerimento di Pucino, è forse l’occasione più limpida avuta dal Vicenza nel secondo tempo, ma il risultato non cambia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità