Breaking News
Simone Andrea Crolla (a sinistra) e Gian Angelo Bellati
Simone Andrea Crolla (a sinistra) e Gian Angelo Bellati

Un accordo avvicina le imprese venete agli Usa

Si riduce la distanza tra le imprese del Veneto e gli Stati Uniti d’America, grazie ad un accordo firmato questa mattina, a Marghera, da Gian Angelo Bellati, segretario generale di Unioncamere Veneto e da Simone Andrea Crolla, consigliere delegato American Chamber of Commerce in Italy. L’associazione che rappresenta le cinque Camere di commercio della regione e l’associazione affiliata alla Us Chamber of commerce di Washington Dc, che fa parte dell’European council of cmerican chambers of commerce per tutelare il libero scambio tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti d’America, hanno infatti siglato un protocollo d’intesa per promuovere e favorire il processo di internazionalizzazione delle imprese italiane nel territorio statunitense e delle imprese americane in Veneto.

Nel 2015 gli Stati Uniti si sono confermati uno tra i partner commerciali più solidi del Veneto, con variazioni positive sia sul versante delle esportazioni sia su quello delle importazioni. L’export veneto verso l’America ha superato i 4 miliardi e 629 milioni di euro, con una crescita del 16,5% rispetto all’anno precedente. Le importazioni dagli Stati Uniti, invece, hanno superato i 710 milioni di euro, con un incremento del 30,3%.

L’accordo sottoscritto, che ha durata annuale, prevede l’organizzazione congiunta di workshop finalizzati a fornire agli associati informazioni e analisi di settore per sviluppare strategie di espansione e opportunità di investimento negli Stati Uniti e in Veneto. Le aziende venete potranno inoltre beneficiare, a condizioni economiche riservate, dei business support services di AmCham Italye partecipare a missioni di business negli Stati Uniti, per aumentare lo scambio commerciale e gli investimenti oltreoceano, possibilità offerta anche agli imprenditori americani che vogliono investire nel nostro territorio.

“Questo accordo – hanno sottolineano Bellati e Giuseppe Fedalto, presidente Unioncamere Veneto – ci permetterà di rafforzare i già stretti legami fra il Veneto e gli Stati Uniti, oltre ad aprire nuove strade di cooperazione fra paesi le cui imprese collaborano già da decenni ma che, proprio per superare l’attuale crisi economica, debbono oggi trovare nuovi mercati e nuove opportunità di affari. Oltre al tradizionale mercato europeo, Unioncamere Veneto vuole rafforzare i legami economici all’esterno dell’Ue”.

“La decisione di sottoscrivere questo accordo, grazie anche all’impegno della nostra Business Developer Sonia Beraldo – ha precisato Crolla – , è un ulteriore segnale dell’attenzione che la nostra organizzazione ha nei confronti delle imprese italiane, soprattutto verso quelle eccellenze che meritano di essere conosciute dal mercato americano. La forza del sistema imprenditoriale veneto, unite alle prospettive di sviluppo per le imprese italiane sul territorio americano, fanno sì che esistano interessanti potenzialità da esplorare su cui la nostra organizzazione può fornire assistenza e supporto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *