Breaking News

Il sogno di una cosa: un’Italia migliore. Buone Feste

La foto che pubblichiamo sopra ci è stata inviata dai carabinieri della Compagnia di Bassano del Grappa. I militari, nell’immagine, sono in Grande uniforme ridotta, durante il servizio di rappresentanza effettuato nella città del Ponte in questi giorni delle festività di fine anno. Ci piace proporla, a corredo di queste poche righe, quale messaggio di speranza e di ringraziamento per quello che fanno. Purtroppo non ci sono molti altri da ringraziare in questa nostra società così sbagliata, così ingiusta e così mal governata.

L’augurio che facciamo a tutti, dunque, è di speranza affinché  le cose cambino e l’Italia, da quello che è oggi, diventi finalmente un Paese di cui andare di nuovo orgogliosi nel mondo. Auguriamo  ai nostri lettori che divenga realtà la speranza di un’Italia migliore, governata da una classe politica che pensi ai cittadini e non soltanto ai propri interessi. Una società in cui vengano premiate le capacità, l’intelligenza, la cultura, e non solo ed esclusivamente la conoscenza di qualche personaggio importante e la disponibilità ad adeguarsi.

Agli uomini delle forze dell’ordine auguriamo di lavorare con serenità e in sicurezza, e di poterlo fare con i mezzi adeguati a cui hanno diritto, con giustizia ed imparzialità, perché anche loro, immaginiamo, debbono essere stanchi quanto noi di una situazione in cui viene richiesto il sangue per avere, troppo spesso, in cambio solo parole.

Auguriamo quindi a tutti noi, che tutto cambi nel Bel Paese e che il 2017 sia l’anno della svolta. Che una nuova classe dirigente, finalmente all’altezza, governi l’Italia, e che la cosa gradualmente avvenga anche per le università, la cultura, le banche e l’economia, il mondo della scuola, il sistema dell’informazione. C’è bisogno di aria nuova, di idee e di creatività, di cervelli insomma, che non sono tutti in fuga, anche se all’estero ormai ce ne sono davvero tanti. Basta con amici degli amici che si spartiscono la torta!

F.O.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *