Economia

Servizi pubblici, società come Aim sono un patrimonio

Valgono di più le aggregazioni dal basso che le acquisizioni da parte di grandi multiutility del settore dei servizi pubblici locali quotate in borsa. E le tariffe dove operano le società di proprietà pubblica sono inferiori del 20% mediamente rispetto a dove operano le società quotate a Piazza Affari.

Achille Variati
Achille Variati

E’ la conclusione a cui si giunge dopo aver ascoltato l’intervento di Giuseppe Barba, ricercatore dell’Ires Veneto che ieri sera ha illustrato a Vicenza, nella sala dei Chiostri di Santa Corona, una ricerca realizzata confrontando le realtà di Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Umbria.

Ad organizzare l’iniziativa Cgil, Cisl e Uil di Vicenza e provincia, con la presenza al tavolo dei tre segretari generali Giampaolo Zanni (Cgil), Grazia Chisin (Uil) e Raffaele Consiglio (Cisl). Il sindacato sostiene che le società che operano nei servizi pubblici locali, come ad esempio Aim per il nostro territorio, siano un patrimonio di tutti, dei cittadini e dei lavoratori.

Angelo Guzzo
Angelo Guzzo

E che il loro legame con il territorio sia importantissimo, tanto che è stato lanciato un appello davanti a molti amministratori locali, tra i quali il sindaco di Vicenza e presidente della Provincia, Achille Variati, e gli amministratori unici di Aim, Paolo Colla, Aim Energy, Otello Dalla Rosa, e Acque Vicentine, Angelo Guzzo.

L’oggetto dell’appello? Cgil Cisl e Uil hanno una suggestione, quasi un sogno: che queste realtà possano essere motore dello sviluppo a livello locale, che i proventi di queste società servano per riavviare la nostra economia vicentina e veneta. Nel suo intervento, Achille Variati ha ricordato come sia proprio questa la linea della sua amministrazione. La settimana prossima si riuniranno le assemblee di Avs e Acque Vicentine per deliberare la fusione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button