Breaking News

Schio, nuovo auditorium per la scuola Fusinato

Sono stati ultimati i lavori di adeguamento dell’auditorium della scuola secondaria di primo grado “Fusinato”, in via Tiziano Vecellio. L’auditorium, costruito negli anni ’80, è stato completamente rinnovato nella struttura, negli impianti e negli arredi. Sono stati tolti la vecchia moquette dalle pareti, la pavimentazione in gomma nera e i sedili con la scocca di plastica. Sono state ricavate delle gradonate in modo da posizionare le sedute in maniera più ordinata.

La nuova pavimentazione è in pvc, con uno strato di materiale che assorbe il rumore del calpestio, mentre le pareti sono state rivestite con intonaco fonoassorbente.  Sono stati inoltre rinnovati gli impianti di illuminazione fissa di sala, dei fari per il palco, di emergenza per le condizioni di sicurezza e la diffusione sonora e video.

Migliorata anche l’accoglienza, con la 232 poltroncine imbottite e rivestite in tessuto. È stata anche eseguita una generale manutenzione del coperto con la posa di una nuova guaina impermeabilizzante. L’investimento è stato di 180 mila euro ed è stato sostenuto anche con il contributo della Fondazione Cariverona.

“Con questo intervento – ha commentato Roberto Polga, assessore all’istruzione del Comune di Schio – dotiamo l’istituto comprensivo Fusinato e la città di un luogo adatto anche agli spettacoli. La tradizione musicale della scuola Fusinato è un patrimonio da salvaguardare e promuovere, e avere un auditorium di questo livello è importante”.

Il dirigente dell’istituto, Silvio Grotto, ha invece sottolineato come l’attenzione e l’impegno dell’amministrazione comunale scledense per le scuole sia sempre alta, con investimenti ingenti, sia per le strutture che a sostegno dell’attività formativa e progettuale.

“Dopo la riqualificazione della palestra Lanzi, degli spogliatoi e degli impianti sportivi esterni – ha infine annunciato il sindaco, Valter Orsi – procederemo, in primavera, anche con la risfaltatura del parcheggio della palestra Lanzi, ultimo passaggio che ci resta da realizzare in questo complesso scolastico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *