Breaking News

Montebello, dopo 25 anni si sblocca la questione Cis

Si sblocca, dopo 25 anni, per il Comune di Montebello Vicentino, si sblocca la questione del Cis, il Centro intermodale servizi, la cui realizzazione era prevista al confine con il Comune di Montecchio Maggiore e la cui società è ora in liquidazione. Grazie ad un accordo con la proprietà, il comune ha infatti ottenuto la cessione a titolo gratuito di un’area perequativa. di circa 25 mila metri quadri, che si trova a ridosso dell’area produttiva Signolo”di Montebello. Con questa operazione, il comune andrà ad attualizzare parte degli oneri che avrebbe incassato chissà quando, vista la fase di incertezza che ancora oggi grava sul processo di liquidazione del Cis.

come: “Siamo l’unica Amministrazione comunale – spiega il sindaco Dino Magnabosco – ad aver sbloccato questa annosa situazione, e lo abbiamo fatto a vantaggio della comunità. Con il prossimo Piano degli interventi, infatti, trasformeremo quest’area in una area industriale, da mettere all’asta per la costruzione di insediamenti produttivi da parte di imprenditori interessati. L’introito che auspichiamo di ottenere servirà a finanziare la costruzione, nell’area del polo scolastico, di una nuova palestra, di cui il paese ha bisogno e che sarà a servizio sia delle scuole che delle società e associazioni sportive”.

In accordo con la Sovrintendenza, nell’area acquisita il comune andrà anche a salvaguardare il patrimonio storico rappresentato dai resti di una villa rustica romana. “Questi reperti – spiega il sindaco – non andranno ad intralciare la realizzazione delle unità produttive, che saranno comunque in numero limitato. Insomma, da una parte daremo nuove possibilità al mondo produttivo, pur nel rispetto del bene archeologico, e dall’altra favoriremo lo sviluppo sportivo, sociale ed educativo del nostro paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *