Provinciavicenzareport

Ha un chilo di hashish sul furgone. Arrestato

Dieci panetti di hashish da un etto ciascuno in una busta di plastica nascosta sotto il sedile del furgone. E’ per questo che è finito ieri sera in manette un uomo di 43 anni, M.M. sono le sue iniziali, italiano, finito in un controllo della Guardia di Finanza nel corso di un pattugliamento eseguito nell’ambito del Dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti predisposto dal Comando provinciale dellaFiamme Gialle. Tutto questo, come dicevamo, nella tarda serata di ieri, 13 dicembre, quando stato sottoposto a controllo questo furgone che transitava nel territorio comunale di Gambellara e che aveva sugli sportelli le scritte pubblicitarie di un’impresa artigiana.

Dai primi accertamenti dei militari del Nucleo di polizia tributaria di Vicenza è emerso che l’automezzo era intestato ad un’azienda di Brescia ed il conducente era un soggetto italiano, incensurato e residente anch’egli nella provincia bresciana. Durante il controllo l’uomo ha fornito sterili e contraddittorie informazioni circa la sua presenza sul territorio berico, ed era particolarmente agitato, ingenerando così sospetto che potesse trasportare qualcosa di illecito.

Con l’aiuto dell’unità cinofila i finanzieri hanno così ispezionato il furgone trovando subito, sotto il sedile del guidatore, la busta di plastica contenente circa un chilo di hashish. I militari hanno prima informato il pubblico ministero di turno, Claudia Brunino e poi hanno arrestato l’uomo, associato ora al carcere San Pio X di Vicenza a disposizione dell’autorità giudiziaria.

“Ancora una volta – si legge in una nota della Guardia di Finanza -, le Fiamme Gialle vicentine hanno dimostrato una particolare sensibilità nel controllo economico finanziario del territorio, verso tutte le forme di arricchimento illegale, tra le quali rientra il traffico di droga da parte di persone che, senza scrupoli, mettono a rischio la vita di molti giovani in cambio di facili guadagni, generando, con le conseguenze dell’uso, gravi problemi di salute, incidenti stradali e infortuni”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button