Sport

Basket, un brutto Famila Schio sconfitto da Venezia

Pesante sconfitta del Famila Wuber Schio, superato per 87-57, dalle leonesse dell’Umana Reyer Venezia nel derby veneto in programma nell’ultima giornata di andata del massimo campionato di pallacanestro femminile. Ieri sera, al Palasport Taliercio le scledensi non hanno brillato, ma se fino all’intervallo lungo la situazione è stata in equilibrio, nella ripresa, e in particolare negli ultimi dieci minuti, il crollo delle scledensi è stato evidente. Inoltre, ha complicato ancora di più la non rosea situazione delle arancioni, costrette a disputare questo importante match senza tre importanti pedine (Gatti, Martinez e Yacoubou), l’uscita dal campo per infortunio di Macchi, caduta malamente sul parquet dopo una stoppata.

Il giro e tiro di Ress inaugura la contesa. Poi però una tripla di Carangelo e due canestri in contropiede, conseguenza di due palle perse delle scledensi valgono il 7-2, e il primo time out di coach Mendez. Dopo il colloquio con il tecnico, le arancioni recuperano terreno, 16-15, ma in meno di trenta secondi Venezia balza a +7, 22-15. Alla tripla di Carangelo segue infatti quella di Fontenette, generata dall’ennesima palla persa delle ospiti. I centri di Anderson e di Bestagno permettono a Schio di andare al primo mini riposo sotto di sole tre lunghezze, 26-23.

Tanti errori, per i quintetti in campo, nei primi minuti del secondo quarto. A rompere il ghiaccio ci pensa, dalla linea dei liberi, Tagliamento, 26-24. Sul 28-26, il tentativo di fuga di Venezia, che colpisce con Sandri e Dotto, 32-26, viene cancellato da Masciadri e Sottana, 32-30. Poco dopo, la play trevigiana fa 1/2 dalla lunetta e fallisce l’aggancio, 34-33. Negli ultimi tre giri di lancette, il pallino del gioco è in mano alle padrone di casa, che vanno all’intervallo lungo a +7, 40-33.

In apertura di terza frazione il vantaggio di Venezia raggiunge la doppia cifra, 47-37, ma Tagliamento, dalla lunga distanza, accorcia 47-40. A sei primi dalla terza sirena, Macchi è costretta a lasciare il campo, perché, in seguito ad una stoppata su Walker, è caduta male sul parquet. La Reyer schizza a + 14, 57-43, però nel finale Anderson e Sottana riescono a limare il passivo, 62-49.

Venezia è molto reattiva e concentrata in attacco e in difesa, Schio, invece, soprattutto in questo ultimo parziale, non riesce a costruire buone azioni offensive e, in fase difensiva, concede tanti secondi e terzi tiri alle lagunari. Le orogranata raggiungono in scioltezza i venti punti di vantaggio, 71-51, mentre il Famila si ostina, senza grandi risultati, a tirare da tre. Nonostante il rassicurante divario, la Reyer non molla e scava sempre più il solco, 87-55. Dopo più di tre minuti di digiuno, le ospiti fanno avanzare il tabellone, con Bestagno. I suoi due tiri liberi valgono il -30 finale, l’87-57.

Venezia: Micovic 4, Melchiori 5, Carangelo 13, Sandri 4, Cubaj, Ruzickova 17, Dotto 8, Fontenette 19, Walker 14, Favento 3

Schio: Yacoubou ne, Bestagno 9, Miyem 11, Tagliamento 4, Anderson 14, Masciadri 2, Zandalasini 4, Sottana 6, Ress 2, Macchi 5

Ecco gli altri risultati dell’undicesima giornata:

  • Torino – Napoli 58-77
  • Broni – Vigarano 77-74
  • La Spezia – Umbertide 56-79
  • Ragusa – Battipaglia 65-61
  • Lucca – San Martino di Lupari 76-61

Classifica: Lucca 20, Venezia e Schio 18, San Martino di Lupari 16, Ragusa e Napoli 14, Umbertide 8, Torino, Vigarano e Broni 6, Battipaglia 4, La Spezia 2

Ilaria Martini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button