Breaking News

Vicenza, inaugurato il nuovo campo da rugby

E’ stato inaugurato quest’oggi, a Vicenza, il nuovo campo da rugby in erba sintetica. Si trova a Sant’Agostino ed è stato realizzato grazie a una convenzione tra il Comune di Vicenza, che ha finanziato il progetto per 200 mila euro, la società sportiva Rangers rugby Vicenza, attuale gestore dell’impianto, che ha partecipato con 170 mila euro, e la Federazione italiana rugby (80 mila euro). L’importo complessivo dei lavori è stato di 385.168 euro.

A fronte dell’impegno finanziario che ha assunto, la società sportiva avrà in concessione e gestirà l’impianto di via Baracca fino al 30 agosto 2035. A tagliare il nastro, stamane, il sindaco, Achille Variati, e l’assessore alla formazione Umberto Nicolai. Erano presenti anche Alfredo Gavazzi, presidente della Federazione italiana rugby, Sante Saracco, presidente dell’Asd rugby Vicenza, Giovanni Alì, progettista e responsabile tecnico, e Lorenza Rizzini, consigliere comunale.

Il nuovo campo da rugby in erba sintetica va a completare il piano di creazione di una cittadella dello sport vicino al parco Retrone, dove attualmente sono presenti il campo da calcio di via Baracca, che ospita la serie B del calcio femminile, e le due palestre della scuole Carta e di via Baracca. Secondo quanto stabilito dalla convenzione l’Asd rugby Vicenza ha curato direttamente il progetto esecutivo, approvato dall’amministrazione comunale, provvedendo alla realizzazione dei lavori, eseguiti dalla ditta friulana Tagliapietra Srl, mentre il progetto e la direzione lavori sono stati a cura dell’architetto Giovanni Alì.

I lavori sono iniziati il 15 settembre 2015, e si sono conclusi con il rispetto dei tempi e dei costi di realizzazione. L’omologazione del campo, dopo il superamento dei test eseguiti dalla World Rugby, è stata concessa il 25 maggio 2016. Il particolare sistema installato, costituito da un manto sintetico abbinato a un sotto tappeto elastico shock-pad da 22 millimetri, in grado di assorbire gli impatti da gioco o caduta, è dotato infatti di omologazione internazionale Irb (International Rugby Board).

Si tratta del primo campo da rugby di questo tipo realizzato in Italia. Inoltre, grazie alle caratteristiche costruttive, il campo ha un’alta flessibilità termica, è eco compatibile e consente un buon drenaggio. Il tipo di erba artificiale utilizzata, un monofilamento da 60 millimetri idoneo anche per il gioco del calcio, permette un’ottima elasticità oltre che un ritorno di energia, fondamentale per il tipo di allenamenti. Già nello scorso mese di giugno la società Rangers rugby Vicenza ha potuto utilizzare il campo per gli allenamenti, mentre a settembre la squadra della serie A ha incontrato squadre di pari categoria in occasione di alcuni test di pre-campionato.

“C’è da gioire ogni volta che si inaugura una nuova struttura sportiva – ha commentato dopo l’inaugurazione il sindaco –. Investire nello sport è soprattutto un investimento sociale: praticando un’attività sportiva i ragazzi non solo si appassionano a una disciplina ma hanno la possibilità di star lontano dalle cattive strade”. Ringrazio la Federazione italiana rugby e la società Rangers rugby Vicenza per aver collaborato alla realizzazione di questo impianto. Più che una società, qui ogni giorno si ritrova una comunità, che si tira su le maniche per trasformare in realtà un sogno, da noi condiviso”.

“La realizzazione di questa nuova struttura – ha aggiunto l’assessore Nicolai –, conferma il grande investimento nello sport compiuto da questa amministrazione, con 18 milioni di euro spesi in un decennio a favore di 74 impianti e 157 associazioni sportive. Da otto anni, inoltre, manteniamo inalterato l’affitto delle palestre, praticando tariffe tra le più basse a livello provinciale e regionale. Ancora una volta vogliamo essere vicini, più che ai campioni, alla gente che cammina, corre, fa attività: questo significa per noi avere una mentalità sportiva, oltre che uno dei motivi che ci hanno permesso di ottenere il riconoscimento di Città Europea dello Sport 2017”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *