Breaking News
Ecco come si presenta, dopo il restauro, il ponte San Michele
Ecco come si presenta, dopo il restauro, il ponte San Michele

Vicenza, concluso il restauro di Ponte San Michele

È terminato ieri il restauro conservativo di ponte San Michele, a Vicenza, che ha previsto una riqualificazione degli elementi in pietra della parte superiore del manufatto. L’intervento eseguito ha consentito di effettuarne una riqualificazione completa, così da garantire la stabilità del ponte dopo l’alluvione del 2010. Inoltre è stata adattata la pavimentazione, con l’eliminazione dei gradini, per consentire il transito agevole dei pedoni, ma anche di carrozzine e di utenti con ridotta mobilità.

Sul versante della sicurezza e della salvaguardia da eventuali atti vandalici, sono state installate nuove telecamere, che saranno visionate dal comando della polizia locale di Vicenza, ed è stata anche potenziata l’illuminazione. L’intervento sul ponte San Michele, che ha comportato una spesa di 300 mila euro e che rientra tra le opere finanziate con i fondi dell’alluvione del 2010, è stato programmato anche per contrastare lo stato di degrado dovuto all’inquinamento atmosferico e alle aggressioni della vegetazione spontanea, con distacchi di parti in pietra e varie altre alterazioni degli elementi costitutivi.

In particolare si è provveduto ad una prima pulitura del ponte, al preconsolidamento delle parti più degradate e potenzialmente soggette a distacchi, alla pulitura necessaria per rimuovere i materiali estranei e dannosi per il manufatto. In seguito è stato effettuato un consolidamento per migliorare la coesione interna del materiale e l’adesione al substrato. Da ultimo è stata stesa la protezione finale per rallentare i processi di deterioramento. La pavimentazione in ciottoli è stata rifatta, mentre quella in trachite è stata rimossa e ricollocata, eliminando i gradini nelle due rampe di accesso generando un percorso continuo e accessibile a passeggini e carrozzine.

“Siamo giunti – ha commentato l’assessore alla cura urbana, Cristina Balbi – alla conclusione di tutti gli interventi previsti per ponte San Michele, che viene così restituito ai vicentini in tutto il suo splendore e che ora risulta più resistente grazie alle opere di restauro e di consolidamento. Tra le altre cose, sono state abbattute le barriere architettoniche, ed è stata migliorata l’illuminazione, anche grazie alla collaborazione dei residenti che ci hanno consentito di collocare i punti luce sulle pareti delle loro abitazioni. Inoltre abbiamo provveduto ad installare le telecamere. Auspico che questo, assieme ad una maggiore illuminazione del ponte, serva a dissuadere dal compiere atti di vandalismo che in passato hanno rovinato la struttura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *