domenica , 24 Ottobre 2021
Il museo naturalistico di S. Corona

Vicenza, cittadini mecenati con Art bonus

Palazzo Chiericati, Basilica Palladiana, Teatro Olimpico, Museo naturalistico archeologico e Museo del Risorgimento e della Resistenza. Sono questi i cinque monumenti e musei di Vicenza che il Comune di Vicenza chiede a cittadini e imprese di sostenere, tramite i 28 interventi che rientrano nel progetto Art Bonus, a sostegno del patrimonio culturale della città, per un importo complessivo di 5.445.600 euro.

“Aderendo all’operazione – precisa una nota di Palazzo Trissino – i mecenati dell’era digitale che vorranno donare erogazioni liberali in denaro per il sostegno del patrimonio culturale della città potranno godere, come previsto dalla legge, di benefici fiscali sotto forma di credito di imposta, detraendo per tre anni le imposte fino al 65% di quanto donato”.

“Non sarà necessario coprire l’intero costo del singolo intervento prescelto, ma si potrà concorrere al recupero di un monumento, al restauro di un quadro, alla riqualificazione di un museo, anche con piccole somme. Né sarà necessario essere residenti a Vicenza per decidere di legare il proprio nome ad un’opera della città”.

Nel dettaglio, dieci progetti, per una spesa totale di 3.217.100 euro interessano Palazzo Chiericati, sei, per 1.776.500 euro la Basilica, cinque, per un importo di 292.000 euro, il Teatro, quattro, per 125 mila euro, il Museo naturalistico archeologico e tre, per una spesa di 35 mila euro, il Museo del Risorgimento e della Resistenza. I 28 interventi sono on line sul portale promosso dal Ministero dei Beni Culturali, a questo link.

Una volta individuato l’intervento da sostenere con una donazione, il mecenate dovrà contattare i Musei civici del Comune di Vicenza (0444222817, museocivico@comune.vicenza.it), concordare i dettagli dell’erogazione, effettuare il versamento secondo le modalità previste e conservare la ricevuta con l’evidenza della causale “Art bonus – Ente Beneficiario – Oggetto dell’erogazione”. Poi il Comune inserirà nel sito dell’Art bonus l’importo della donazione. Il mecenate potrà compilare la parte riservata ai donatori sul portale dell’Art bonus dove, se lo vorrà, potrà anche rendere pubblico il suo nome.

“Il territorio vicentino – ha spiegato il vicesindaco e assessore alla crescita, Jacopo Bulgarini d’Elci – ha dato vita a straordinari momenti di creatività con la realizzazione di capolavori dell’arte e dell’architettura. Queste bellezze appartengono ai cittadini, ma anche alle aziende di Vicenza, determinanti per lo sviluppo economico, che sono in grado di contribuire alla loro conservazione, valorizzazione e rilancio. E’ a loro che faccio appello perché si prendano cura di questi beni dandoci una mano a mantenerli in vita con donazioni affiancate da vantaggi fiscali”.

“Questa modalità di donazione – ha concluso – che consentirà di sostenere 28 interventi nei monumenti storici di proprietà del Comune, non darà la possibilità di avviare campagne pubblicitarie usando l’immagine dei monumenti finanziati. Questo potrà essere possibile solo utilizzando la modalità della sponsorizzazione: per offrire anche una diversa opportunità, quindi, a breve pubblicheremo un bando rivolto alle aziende”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità