martedì , 27 Luglio 2021

Tenta il suicidio, 50enne salvata dai Carabinieri

Avrebbe provato a togliersi la vita inalando del gas. Forse un gesto estremo dunque, un tentato suicidio, quello di una donna di 50 anni di Montecchio Maggiore, che per fortuna non si è compiuto, grazie all’intervento dei carabinieri. Ad allertare gli uomini dell’arma di Montecchio Maggiore sono stati i familiari della signora. Sabato si sono infatti presentati alla stazione dei carabinieri montecchiana per denunciare la scomparsa della congiunta, che venerdì sera si era allontanata senza avvertire nessuno e che da allora non aveva più dato notizie di sé.

Le ricerche sono scattate subito ed hanno permesso di ricostruire gli spostamenti delle ultime ore della donna, che è stata localizzata nel comune trevigiano di Borso del Grappa. Una pattuglia della stazione di One’ di Fonte, in provincia di Treviso, si è subito attivata per tentare di rintracciare la scomparsa nella zona indicata loro dai colleghi di Montecchio. Verso le 22, le ricerche hanno dato i primi frutti.

L’autovettura usata dalla signora è stata infatti trovata vicino ad un casolare abbandonato, in una zona collinare di Borso. I militari hanno ispezionato l’immobile e all’interno hanno trovato la donna in stato di incoscienza, proprio a causa dell’inalazione del gas contenuto in una bombola. I due carabinieri hanno soccorso e rianimato la montecchiana, per poi affidarla alle cure del sanitari del Suem 118, accorsi su richiesta della centrale operativa. La signora, attualmente ricoverata in ospedale, non risulta essere in pericolo di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità