Breaking News
Maltempo sul Veneto

Maltempo, paura nel nord ovest. Zaia: “Il Veneto c’é”

Sono ore di paura, nel nord ovest d’Italia, per l’ondata di maltempo che sta interessando il paese in questi giorni. C’è allarme oggi sopratutto in Piemonte e in Liguria, con entrambe le regioni che hanno chiesto il riconoscimento dello stato di emergenza. Del resto c’è già una persona dispersa nel torinese, torrenti e fiumi sono in piena nell’astigiano, nell’alessandrino e nel ponente ligure, e non fanno eccezione il Po ed i suoi affluenti. Anche il premier Matteo Renzi, che nel tardo pomeriggio di oggi sarà a Vicenza per la campagna referendaria, si è recato a Torino, dove ha incontrato il sindaco, Chiara Appendino, e il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino.

Ed anche in Veneto c’è apprensione, perché piogge e temporali si faranno più intensi anche sulla nostra regione, nelle prossime ore. Le precipitazioni più forti sono infatti attese sul Veneto tra il tardo pomeriggio di oggi, venerdì, e la mattinata di domani. Del resto, come dicevamo ieri, è stato dichiarato sul nostro territorio lo stato di attenzione per il rischio idraulico ed idrogeologico. Un occhio attento anche da noi dunque a fiumi e torrenti, visto che in passato non sono mancati i momenti difficili.

Ed evidentemente memore di tutto questo, il presidente della Regione Luca Zaia è intervenuto questa mattina per fa sentire la sua vicinanza ai governatori di Piemonte e Liguria, in queste ore colpite dalla devastante ondata di maltempo.

“Il Veneto c’è – ha scritto oggi il presidente della Regione rivolgendosi ai suoi colleghi di Piemonte e Liguria-. Vi è vicino, ma è anche pronto ad attivarsi per qualsiasi aiuto sia necessario. Chiedete e arriviamo. Il Veneto e i veneti, colpiti nel 2010 e nel 2012, sanno bene cosa stanno vivendo in questi giorni i piemontesi e i liguri. So bene che cosa stanno affrontando adesso Chiamparino e Toti con i loro cittadini: una situazione delicatissima. Per questo dico che il Veneto c’è, in concreto, pronto a inviare uomini e mezzi, se ciò fosse ritenuto necessario, nell’ambito del coordinamento degli interventi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *