Breaking News

Infrastrutture, appello a Delrio dalle imprese

Il vicentino Agostino Bonomo, vicepresidente nazionale di Confartigianato Imprese, Onofrio Rota, segretario generale di Cisl Veneto, e Roberto Zuccato, presidente di Confindustria Veneto, in rappresentanza delle associazioni di #Arsenale2022, hanno incontrato oggi, a Venezia, il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio. Durante l’incontro, avvenuto in occasione dell’inaugurazione del nuovo Water Terminal e del Moving Walkway dell’aeroporto Marco Polo di Venezia, Bonomo, Rota e Zuccato hanno consegnato a Delrio una lettera appello sullo sblocco dei finanziamenti per la modernizzazione delle infrastrutture del Veneto.

Nella lettera le associazioni di #Arsenale2022 chiedono al governo di prestare la giusta attenzione al Veneto nell’assicurare le risorse indispensabili per ammodernare il suo sistema infrastrutturale, ritenuto obsoleto e inadeguato. Un intervento per evitare che i costi di queste carenze frenino le potenzialità economiche del territorio e indeboliscano la centralità dell’intero Paese nell’ambito del sistema logistico internazionale.

Il costo per le imprese causato dal deficit infrastrutturale è stato sottolineato oggi proprio da Delrio. Il ministro ha evidenziato che è necessario scegliere bene le opere sulle quali investire, individuando per Venezia “la necessità di un sistema che funzioni nell’ambito di una strategia complessiva sull’intermobilità”. L’appello di #Arsenale2022 riguarda invece, nello specifico, lo sblocco dei finanziamenti per l’alta velocità ferroviaria nel tratto Brescia-Verona-Padova e per il completamento della superstrada Pedemontana.

In merito alla linea Av/Av Milano-Venezia, le associazioni riconoscono al ministro l’impegno assunto per l’approvazione entro l’anno da parte del Cipe dei progetti e dei finanziamenti per la parte Verona-Vicenza-Padova. Chiedono tuttavia che lo sforzo sia esteso all’intera direttrice, compresa la tratta Brescia-Verona e i nodi attraversati, evitando che diatribe locali ritardino l’esecuzione di un’opera strategica per il Veneto e il Paese.

Altrettanto urgente è lo sblocco dei finanziamenti per completare la Pedemontana, già previsti e a carico della finanza privata ed internazionale, che attendono un “placet” del governo attraverso la Cassa depositi e prestiti. A seguito delle perplessità sui livelli di traffico previsti, le associazioni di #Arsenale2022 invitano il ministro Delrio a visitare l’area pedemontana veneta, per verificare di persona l’importanza del suo sistema produttivo e la densità di quello insediativo.

Nei giorni scorsi le categorie di #Arsenale2022 avevano inviato una lettera anche a Luca Zaia, chiedendo al presidente della Regione di “fare fronte comune e compatto sul tema delle infrastrutture e di svolgere un ruolo di coordinamento e stimolo nei confronti del Governo”. Le due lettere costituiscono la prima iniziativa di #Arsenale2022, progetto che, per la prima volta, vede sedute allo stesso tavolo dieci rappresentanze del mondo dell’impresa, del lavoro e delle professioni del Veneto. Gli obiettivi sono quelli di costruire contenuti e proposte condivise per lo sviluppo della società e dell’economia regionale e di contribuire alla definizione delle politiche locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *