Breaking News

Commercio, direttiva Bolkestein forse rimandata

Si è svolto a Roma, nei giorni scorsi, presso il Ministero dello sviluppo economico, un importante incontro sull’attuazione della direttiva Bolkestein per il commercio su aree pubbliche. Vi hanno partecipato, oltre al sottosegretario Gentile e ai dirigenti del Ministero, i rappresentanti dell’Anci e delle Regioni e le associazioni di categoria. L’applicazione delle direttive regionali relative alla Bolkestein sta creando infatti non poche complicazioni, e soprattutto le tempistiche molto strette di applicazione rendono difficile la realizzazione dei bandi e quindi la corretta applicazione da parte degli uffici comunali.

All’incontro c’era anche l’Anva Confesercenti, rappresentata dal suo presidente nazionale Maurizio Innocenti. “Le piccole associazioni neo costituite di operatori di commercio su suolo pubblico – ha detto Innocenti -, nate un po’ in tutta Italia in contestazione alle direttive europee, chiedono una proroga di tre anni che possa poi portare ad una esclusione definitiva dalla Bolkestein. Il Ministero ha ribadito che saranno invece rispettati gli accordi sia con l’Europa che quelli tra Stato e Regioni. Quello che può essere concesso è un breve posticipo dei termini di applicazione”.

Anva Confesercenti, che recentemente è stato promotore di incontri chiarificatori con i comuni in varie province italiane, è stata voce fuori dal coro. “Vista l’inevitabilità dell’applicazione della norma europea sottolinea l’associazione di categoria -, è stato fatto un grande lavoro di riconoscimento e di rivalutazione del commercio su aree pubbliche per garantire la continuità agli attuali concessionari, considerando la regolarità e l’anzianità di lavoro. L’intesa Stato-Regioni non compromette il lavoro di chi opera regolarmente nel settore, inoltre l’attesa di norme esatte ha nel frattempo ingessato il settore che è in balia di decisioni temporanee, senza certezze e senza investimenti sul futuro”.

“Non possiamo permetterci questa stasi – ha commentato Pasquale Davide, presidente di Anva Confesercenti Vicenza -, che non aiuta il settore, anzi lo penalizza, sia sotto il punto di vista commerciale sia nell’opera di valorizzazione dei centri storici che stiamo portando avanti da anni. Regioni e Comuni hanno accettato di applicarla, rispettando gli accordi fatti con la categoria, qualche mese di deroga offre respiro per pensare a bandi meglio organizzati, ma andare oltre sarebbe deleterio”.

Verrà ora composto un tavolo tecnico istituzionale per verificare le eventuali difficoltà applicative dell’intesa, anche se molti comuni hanno già pubblicato i primi bandi per il rilascio delle concessioni. Sulla stessa linea è stato anche l’incontro che Anva Confesercenti Vicenza ha organizzato a inizio novembre confrontandosi con i dirigenti di molti comuni della provincia, tra cui anche Vicenza stessa, per valutare i punti critici e l’applicabilità dei bandi.

“Sulla base del confronto – continua Pasquale Davide – e della conseguente esigenza emersa di verificare la fattibilità di una proroga tecnica delle concessioni delle aree, per facilitare la preparazione dei bandi pubblici per il rilascio e il rinnovo delle concessioni stesse, il Ministero si è impegnato ad approfondire, in tempi rapidi, con le amministrazioni pubbliche coinvolte e con regioni e comuni, le problematiche e le soluzioni praticabili. Con la Bolkestein, o malgrado la Bolkestein, la nostra categoria ha ottenuto, grazie all’anzianità e alla regolarità dei permessi, fino a 12 anni di rinnovo delle attuali concessioni attraverso i bandi comunali che dovranno essere pubblicati, è una conquista a cui non vogliamo assolutamente rinunciare”.

Un commento

  1. Avrei urgenza sapere se a Roma come in altre città si è formata una associazione x chi ha una concessione x commercio (chiosco bar) x attivarmi e conoscere il nostro destino visto che sono subentrata nel 2009 e nel 2015 (6 anni) mi è scaduta ed ancora non me la hanno rinnovate continuò a pagare le mie 1000 e passa euro al mese e nessuno si fa vivo x dirmi di che morte devo morire!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *