Breaking News

Bassano, arriva l’ordinanza contro l’inquinamento

Da lunedì prossimo, 28 novembre, e fino al 31 marzo 2017, a Bassano del Grappa le temperature massime per il riscaldamento civile dovranno essere ridotte a 18 gradi per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e commerciali e a 20 gradi per tutti gli altri edifici. Saranno esentate dell’osservare questo obbligo le case di cura e di riabilitazione, le case di riposo, gli ambulatori medici, le scuole per l’infanzia, primarie di primo e secondo grado, le abitazioni con ammalati, anziani da 65 anni di età e bambini fino a 5 anni.

Sono alcune delle disposizioni contenute nell’ordinanza firmata dal sindaco di Bassano, Riccardo Poletto, che mira al contenimento delle polveri sottili nell’aria per i prossimi mesi, considerando, da un lato, l’impatto nella formazione dell’inquinamento atmosferico urbano dell’uso degli impianti termici, e, dall’altro, la necessità di tutelare la salute dei cittadini.

“E’ obbligatorio – sottolinea inoltre l’amministrazione comunale – lo  spegnimento degli autobus nella fase di stazionamento ai capilinea, dei motori dei veicoli merci durante le fasi di carico e scarico, degli autoveicoli per le soste ai passaggi a livello, dei treni e delle locomotive con motore a combustione, nelle fasi di sosta. E’ inoltre in vigore il divieto di combustione all’aperto delle biomasse dei materiali vegetali e ramaglie”.

Sempre con l’obiettivo di ridurre la concentrazione degli inquinanti atmosferici, i cittadini sono invitati ad usare il meno possibile l’automobile in ambito urbano ed a preferire i mezzi pubblici e gli altri mezzi di trasporto non inquinanti. Inoltre, per l’alimentazione dei veicoli, il consiglio è quello di usare carburante a minor impatto ambientale, come gasolio a basso tenore di zolfo, gasolio bianco, gpl, gas metano.

“Si invitano le imprese ad effettuare ogni intervento possibile per garantire un’elevata efficienza e manutenzione degli impianti posti a presidio delle fonti inquinanti, in particolare per ridurre le emissioni in atmosfera, sensibilizzando gli operatori ad utilizzare veicoli a ridotto impatto ambientale e le attività Commerciali ad evitare lo spreco energetico, per esempio tenendo chiuse le porte per evitare dispersioni termiche durante l’apertura dell’esercizio. Infine, si invitano gli uffici pubblici a ridurre ulteriormente la temperatura ammessa”.

Restando in argomento, “Qualità dell’aria. Il contributo delle fonti di pressione, in particolare delle stufe domestiche” è il titolo di una conferenza in programma domani sera, alle 20.30, nella saletta Bellavitis, in via Beata Giovanna, alla quale interverranno Ugo Pretto di Arpav Vicenza e Antonio Stano dell’Ulss 3. Questo appuntamento prevede approfondimenti che toccheranno i temi delle polveri sottili, del modo in cui viene valutata l’aria che respiriamo e di chi ne controlla la qualità e degli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla nostra salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *