Breaking News
Aldo Corno, allenatore della VelcoFin Vicenza
Aldo Corno, allenatore della VelcoFin Vicenza

Basket, VelcoFin a Ferrara per tornare a sorridere

Domani sera, nell’anticipo della settima giornata di andata del campionato di serie A2 di basket femminile, in programma alle 21, la VelcoFin Vicenza sarà impegnata in trasferta a Ferrara, al PalaHiltonPharma, contro il Pff Group Ferrara, formazione che, come le biancorosse, ha sei punti in classifica. Fino ad ora infatti, nel tabellino di marcia delle padrone di casa ci sono tre vittorie e una sconfitta, arrivata nel derby con la Matteiplast Bologna, attuale leader della classifica assieme a Marghera. Come le vicentine, anche le ferraresi hanno già osservato il turno di riposo.

Squadra solida, quella estense, bilanciata, propensa ad imprimere grande velocità al gioco e dotata di un organico che comprende diverse atlete che hanno maturato esperienza nella massima serie. Ne sono un esempio Serena Bona (che ha giocato a Umbertide, a Lucca e a Vigarano), Nene Diene (Lucca), Rosa Cupido (Vigarano), Francesca Santarelli (Faenza), Elena Ramò (Battipaglia). Ancora in fase di studio è invece il potenziale di Pernilla Hanson, ala forte californiana di passaporto svedese giunta in estate alla corte di coach di Jonata Chimenti.

Per dipanare la matassa Pff servirà una Velcofin concentrata, aggressiva, intensa e anche un pochino spregiudicata. Soprattutto conterà la voglia di cancellare i fantasmi di Udine Vicenza infatti è reduce dalla sconfitta, per 58-54, contro le friulane della Delser. “Credo – ha spiegato l’allenatore biancorosso, Aldo Corno – che la chiave di volta stia nella nostra testa, perché proprio lì sabato siamo andati in crisi e qualcosa si è bloccato. Eppure avevamo iniziato benissimo, poche volte avevo visto la squadra giocare così, poi è calato il buio. Improvvisamente e inspiegabilmente”.

“La difesa ha fatto il suo lavoro, come sempre, ma in attacco siamo passati dal realizzare 87 punti a contarne solo 54. Davvero poco. Ho provato in tutti i modi a motivare le ragazze, mi sono addirittura fatto cacciare dal campo, non è servito. Domani mi aspetto una forte reazione e una grande determinazione, con qualcosa di meglio soprattutto a livello offensivo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *