Economia

Vicenza, Giulio Tremonti presenta “Mundus furiosus”

Prosegue, a Vicenza, la rassegna “Commercialisti in cerca d’Autore” con il secondo appuntamento autunnale in programma per giovedì 27 ottobre, alle 18.30, presso la sala convegni dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, in Contrà del Monte 13. Il convegno sarà dedicato al libro “Mundus furiosus”, ultima fatica editoriale dell’ex ministro dell’economia del governo Berlusconi, Giulio Tremonti, che sarà intervistato da Marino Smiderle, caporedattore del Giornale di Vicenza.

Durante l’incontro, ad ingresso libero, Tremonti presenterà al pubblico una riflessione “non ortodossa” sugli scenari economico politici presenti e futuri, sia in Italia che in Europa, ripercorrendo il discorso che aveva iniziato con “Uscita di sicurezza”, del 2012, e “Verità e bugie”, del 2014.

libro-tremonti“Mundus furiosus: così si chiamava l’Europa nel Cinquecento – si legge in una presentazione del volume -, dopo la scoperta delle Americhe e l’avvento rivoluzionario degli sterminati spazi atlantici. Di nuovo furiosus è il mondo di oggi: dalla crisi della finanza alle migrazioni di massa, dalle macchine digitali che distruggono il ceto medio rubandogli il lavoro alle nuove guerre coloniali, dalla rete che, nonostante le apparenze, erode le basi della democrazia e della gerarchia trasformandole in anarchia ai nuovi emergenti tribuni politici. Scritto da chi conosce molto bene gli interna corporis della finanza e della politica internazionale, questo è il primo libro che spiega dall’interno anche le cause profonde della crisi dell’Europa, dominata dalla tirannia della stupidità”.

“E la cui classe dirigente – continua – fa ciò che non dovrebbe fare, ad esempio il bail-in, e non fa invece ciò che dovrebbe e potrebbe fare, contro la crisi e contro le migrazioni. Come sul ponte del Titanic fino al tramonto dell’ultimo giorno ci si attardava sulle chaises longues nelle solite chiacchiere, così l’ultima legge comunitaria contiene ancora, imperterrita, regole in materia di basilico e di rosmarino, di salvia fresca e di preparati per il risotto”.

“Demolire il castello medievale delle regole europee che ci soffocano e ci spiazzano nella competizione globale, limitare lo strapotere della finanza, a partire dal bail-in, fermare la massa delle migrazioni. Su tutto questo il libro contiene idee e indicazioni molto concrete per bloccare la dis-Unione europea, magari trasformando la cosiddetta Unione in una Confederazione tra Stati sovrani. Giulio Tremonti modula la sua riflessione non ortodossa sugli scenari presenti e futuri al ritmo alternato della paura e della speranza, tra il mundus furiosus che. da fuori e da dentro, si sta sviluppando in Europa, e di qui in Italia, e il forse ancora possibile prevalere dell’ordine sul disordine e della ragione sulla follia”.

Giulio Tremonti è professore universitario dal 1974, ora è ordinario nella facoltà di giurisprudenza dell’Università di Pavia. È avvocato patrocinante in Cassazione. È autore di libri ed articoli: “Verità e bugie” (2014), “Uscita di sicurezza” (2012), “La paura e la speranza” (2008), “Rischi fatali” (2005), “Lo Stato criminogeno” (1997), “Il fantasma della povertà” (1995). Con G. Vitaletti: “Le cento tasse degli italiani” (1986), “La fiera delle tasse” (1991), “Il federalismo fiscale” (1994). Con Cassese, Gargano e Treu: “Nazioni senza ricchezza, ricchezze senza nazione” (1993). Deputato al Parlamento italiano, è stato vicepresidente della Camera dei deputati, vicepresidente del Consiglio dei ministri, ministro delle finanze, ministro dell’economia e delle finanze, coordinatore dei ministri delle finanze del Partito Popolare Europeo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button