Tribunale, una sezione per il contenzioso bancario

Un nuova sezione del Tribunale di Vicenza destinata al contenzioso bancario. E’ stata presentata quest’oggi alla stampa dal presidente del tribunale, Alberto Rizzo, e sotto molti aspetti si tratta di una scelta figlia dei tempi e delle vicende che hanno investito la nostra città e le banche del territorio,a cominciare dalla Popolare di Vicenza. Sarà una sezione molto specializzata, anche se al momento non è definita nei dettagli né nel numero di persone che vi lavoreranno.

Sicuramente, l’istituzione della nuova sezione del tribunale berico, si presenta come una risposta del sistema giustizia nei confronti di una delle esigenze che sono ora più pressanti sul territorio ed è quindi destinata ad essere accolta con favore, e soprattutto con speranza che serva a sveltire le procedure che, si sa, in tema di giustizia sono piuttosto lunghe nel nostro Paese. Ed a Vicenza il problema, come si sa, è grosso, con migliaia di piccoli azionisti della Banca Popolare di Vicenza che hanno visto volatilizzarsi i loro risparmi ed una corposa inchiesta nella quale sono iscritte nel registro degli indagati nove persone per aggiotaggio ed ostacolo alla vigilanza.

Tra le prime reazioni favorevoli all’inziativa del Tribunale di Vicenza da segnalare quella dei due parlamentari vicentini del Partito Democratico, Rosanna Filippin e Federico Ginato. “La nascita di una sezione specializzata per i contenziosi bancari – spiegano in una nota congiunta – è una risposta diretta e concreta a una richiesta che il territorio aveva avanzato con decisione. Ora, l’auspicio, con il quale rinnoviamo anche il nostro impegno per quanto di competenza, è che possano presto arrivare quelle risorse di personale in più che avevamo espressamente chiesto anche con un’interrogazione parlamentare e che il ministro Orlando ha promesso alla città”.

Merita ricordare che I due parlamentar si erano fatti promotori di diverse azioni, le ultime con due interrogazioni a Camera e Senato, per chiedere un potenziamento del tribunale cittadino, a seguito delle numerose cause presentate dai soci della Banca Popolare di Vicenza.

“Rinforzare la dotazione di personale del tribunale di Vicenza – hanno aggiunto – rappresentava da tempo una necessità. Dopo l’esplosione del caso BpVi è diventato un’urgenza alla quale il Ministero si è dimostrato attento grazie anche alle sollecitazioni che abbiamo portato a Roma. In attesa che i tempi tecnici permettano l’arrivo dei nuovi magistrati, questa nuova sezione permetterà comunque di dare sin d’ora una migliore risposta ai tanti risparmiatori che chiedono giustizia. In questo senso ribadiamo il nostro sostegno all’operato del presidente Rizzo e rinnoviamo la richiesta che vengano adottate con urgenza forme di risarcimento per i vecchi soci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità